Sia che abbiate capelli lisci, mossi o ricci, creare un’acconciatura voluminosa e ondulata senza sforzi è molto difficile, e può diventare impossibile se si utilizza lo strumento sbagliato, magari a causa di un calore elevato.

 ImmagineNomeValutazioneControlla il prezzo

1 di 5

BABYLISS C260E

4.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

2 di 5

BABYLISS BAB2269TTE

4.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

3 di 5

IMETEC BELLISSIMA 11619

4.0

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

4 di 5

SONAR F-15

4.0

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

5 di 5

SONAR F-11

4.0

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

La tecnologia però è venuta in nostro soccorso. Sul mercato, infatti, è possibile trovare diverse tipologie di piastra a onde, che vi faciliterà il processo di arricciatura. Onde strette, morbide, bene definite, ad effetto naturale, le piastre professionali vi aiuteranno a realizzare le vostre onde perfette.

Oltre alle piastre appositamente indicata per le onde, in commercio esiste anche la piastra triferro, ovvero una piastra dotata appunto di 3 ferri, che arriccia e crea delle onde soltanto con un passaggio.

Al giorno d’oggi la piastra è diventato uno strumento indispensabile per chi vuole essere sempre in ordine, ma bisogna sempre prestare attenzione a qualche piccolo particolare. Il calore, ad esempio, se impostato a livelli troppo alto potrebbe danneggiare irrimediabilmente il capello. Per i capelli fini e sottili, mantenere il calore tra 180-190 gradi e per i capelli più spessi, si può andare fino a 210 gradi. La tecnologia dei capelli è in continua evoluzione, e molti cilindri ora hanno caratteristiche come un rivestimento in ceramica o botti infuse con olio di argan. Essenzialmente, questo significa che è più facile creare onde nei capelli e il risultato finale sarà uno stile più liscio e lucido.

Come funzionano le piastre onde?

L’utilizzo delle piastre per onde è quasi identico a quello di una tradizionale piastra per capelli di qualsiasi tipo, ma è interessante valutare alcuni suggerimenti in riferimento al capello a onde.

Una piastra specifica vi aiuterà ad ottenere l’effetto onde che preferite: morbide, strette, più naturali, stile afro. Per creare un effetto ondulato perfetto vi consigliamo di seguire alcuni suggerimenti.

Passo 1

Lavare ed asciugare i capelli dalle radici alle punte e spruzzare uno spray termoprotettore, quindi pettinarli con un pettine a denti larghi. Lasciate asciugare completamente i capelli.

Passo 2

Accendete la piastra per capelli ondulati, che in genere ha bisogno di pochi minuti per riscaldarsi. Regolare le impostazioni per ottenere il calore desiderato.

Passo 3

Dividere i capelli in sezioni da 2-3 cm di larghezza e teneteli fermi in alto con una pinza per capelli.

Passo 4

Accendete la vostra piastra per capelli ondulati ed impostatela al livello di calore appropriato per il vostro tipo di capelli.

Passo 5

Togliere dalla pinza una sezione di capelli nella parte inferiore e afferrarla alle radici, quindi utilizzare la piastra.

Passo 6

Spostate lentamente la piastra lungo la sezione dei capelli. Ripetere il processo su tutte le sezioni di capelli, lavorando fino in alto.

Passo 7

Lasciate raffreddare i capelli; fate scorrere le dita attraverso tutte le ciocche per mescolare le sezioni insieme.

Passo 8

Aggiungere un prodotto che dia lucentezza ai vostri capelli e definisca le vostre onde.

Con quali materiali viene realizzata la piastra onde?

La piastra onde è realizzata con vari materiali e metalli. Non esiste una scelta ‘giusta’ del materiale della piastra. Piuttosto, è meglio prendere in considerazione le esigenze dei vostri capelli.

Le piastre in titanio si riscaldano molto rapidamente, generando temperature più elevate in modo più uniforme. Queste piastre sono generalmente più costose, e particolarmente indicate per chi ha capelli ricci e spessi.

Le piastre in ceramica, invece, coniugano valore ed efficacia, e sono in grado di generare calore adeguato alla maggior parte delle texture di capelli.

Le piastre di tormalina sono ideali per i capelli danneggiati. A volte chiamate ‘piastre ioniche’, queste piastre producono più ioni negativi che positivi, riducendo il crespo e sigillando il fusto del capello.

Tuttavia, alcune piastre sono realizzate con materiali plastici o metallici di scarsa qualità, e presentano solo il rivestimento in ceramica o titanio. In questi casi, con il tempo, la ceramica si consumerà, lasciandovi tra le mani una piastra che solo in parte è in grado di distribuire il calore in modo uniforme.

Dimensioni della piastra onde

Un’altra caratteristica fondamentale da valutare è la dimensione della piastra onde.

Sul mercato vi è davvero l’imbarazzo della scelta. Le dimensioni da prendere in considerazione sono la lunghezza complessiva della piastra per onde e il diametro della pinza.

Per quanto riguarda la larghezza della pinza, in genere, più è ampia e più velocemente sarete in grado trattare i vostri capelli e ottenere il risultato desiderato. In particolare, tra chi ha capelli lunghi, la scelta ricade spesso sulla piastra onde larghe con una pinza larga: tra i 32 mm e i 38 mm è la scelta ideale.

Chi di voi invece ha capelli molto sottili potrebbe anche riscontrare delle difficoltà con le piastre più ampie, poiché producono troppo calore e possono finire per danneggiare il fusto del capello. In questi casi, sarebbe preferibile orientare la vostra scelta su pinze dal diametro di 9-13 mm.

Vale la pena notare inoltre che, a seconda del diametro della pinza, è possibile ottenere vari tipi di acconciatura. Per realizzare boccoli e onde molto strette ed articolate è preferibile utilizzare pinze dal diametro ridotto. Al contrario, per onde ampie e un’acconciatura vaporosa, sarebbero da preferire arricciacapelli a pinza ampia. Non lasciatevi scoraggiare da quanto appena descritto: sul mercato è possibile trovare arricciacapelli delle dimensioni più varie, anche oltre i 50 mm di diametro.

Anche la lunghezza della piastra per onde è importante per una scelta ottimale. Se siete molto dinamiche, siete spesso in viaggio, e non volete mai rinunciare alla cura dei vostri capelli, potreste preferire arricciacapelli leggermente più corti ma che possano facilmente entrare in borsa. In alternativa, è possibile scegliere arricciacapelli con impugnatura ripiegabile, salvaspazio e facili da usare.

La vostra scelta dovrebbe invece ricadere su una piastra capelli mossi, che abbia una lunghezza ampia, se volete davvero un risultato professionale o se avete già usato in precedenza degli strumenti simili. Nonostante a prima vista possano apparire difficili da usare, basta un po’ di pratica per ottenere risultati davvero sbalorditivi nonostante la lunghezza maggiore.

Design e caratteristiche delle piastre onde

Si potrebbe pensare che il modello di piastra per capelli mossi sia sempre uguale: semplici e di forma piatta e allungata. In realtà, ve ne sono di vari tipi. La differenza sta nella forma dei bordi, a seconda dei quali è possibile ottenere risultati diversi e versatili. Se la piastra o i suoi bordi esterni sono leggermente arrotondati, sarà più facile utilizzare una piastra base come piastra per capelli ondulati. Una piastra piatta con bordi dritti invece è meno versatile, ma è in grado di fornire un effetto lisciante migliore.

Consigli su come utilizzare una piastra onde

Quando si utilizza una piastra capelli onde, non superate mai i 200 gradi celsius. Rimanete entro i 145 gradi. Anche 180 gradi vanno bene per la maggior parte degli strumenti di styling a caldo. Non appena si supera il livello dei 200 gradi, è davvero uno scherzare col fuoco, poiché i capelli, proprio come la carta, cominciano a fondersi a circa 230 gradi. Non c’è alcun motivo di avvicinarsi a queste temperature, indipendentemente dallo stile che state cercando di ottenere.

Più che sulla temperatura, è sulla tecnica che dovreste puntare. Molto spesso si tende ad utilizzare i capelli ondulati piastra come fossero dei bigodini termici. Non è necessario incedere per troppo tempo lungo una singola ciocca o in una singola posizione. Il segreto sta nei movimenti: piuttosto che stirare in lunghezza le ciocche, sarebbe meglio piegarle assecondando le linee naturali dei capelli o, nel caso abbiate capelli molto lisci, lasciarvi guidare dai bordi arrotondati del vostro strumento.

Per utilizzare una piastra onde c’è bisogno di altri strumenti?

Una volta scelta la vostra piastra capelli onde non ci sarà bisogno di utilizzare altri strumenti, se non mollette per capelli, pettine e molta pazienza e buona volontà.

Per creare delle onde senza sforzi particolari, vi consigliamo una tecnica molto utile da affiancare all’utilizzo della piastra onde, ovvero il prelavaggio con shampoo secco. Lo shampoo secco o in polvere è molto utile per donare volume e freschezza in pochi minuti, ed è ottimale per migliorare il risultato finale quando si usa una piastra di questo tipo. Sul mercato ne esistono di moltissimi, dalle fragranze più varie ed esotiche, economici e più costosi. In definitiva, la scelta dipenderà solo dalle vostre preferenze. A prescindere dalla vostra scelta, l’utilizzo di uno shampoo secco è particolarmente indicato per capelli che tendono a diventare oleosi.

Un’altra soluzione utile a perfezionare il risultato è l’utilizzo di spray all’acqua marina. L’utilizzo di uno spray a base di sale marino sulle radici dei capelli quando sono ancora umidi darà più energia al capello e lo renderanno più consistente dopo l’asciugatura. È inoltre consigliato il suo utilizzo se si hanno riccioli naturali e se si lavano i capelli prima di andare a letto. In questo caso, è consigliabile dormire su un asciugamano e completare il processo di creazione delle onde al mattino sulle ciocche o le punte che non sono ancora ben asciutte. Questo metodo funziona molto bene anche su capello molto lunghi o spessi.

Perché le piastre onde sono migliori di altri prodotti simili?

Sappiamo bene che arricciare o ondulare i capelli è un processo molto più complesso rispetto alla stiratura. Per questo motivo è meglio scegliere una piastra che sia più indicata a ricreare delle onde definite.

In quali situazioni le piastre onde sono più utili?

Come dicevamo poco fa le piastre onde sono indicate per una determinata tipologia di piega. Sicuramente sono la migliore opzione per chi vuole avere delle onde definite ed impeccabili, e anche per chi vuole risparmiare del tempo. È chiaro che con una piastra specifica per onde impiegherete molto meno tempo, rispetto ad una piastra tradizionale, con cui comunque è possibile ottenere delle onde, ma bisogna impiegare molto tempo e tanta fatica. La migliore piastra per onde riuscirà a soddisfarvi appieno, regalandovi delle onde perfetti.

Come scegliere la piastra onde migliore per le tue necessità?

Al di là delle caratteristiche di base che determineranno l’efficacia di una piastra onde ci sono altre opzioni da prendere in considerazione per assicurarvi che il vostro acquisto sia soddisfacente. Ad esempio, potreste preferire un’impugnatura confortevole ed ergonomica, in cui i bottoni non siano troppo sporgenti, per evitare che vengano modificate accidentalmente le temperature impostate precedentemente. Ma la caratteristica veramente importante è il diametro del cilindro, perché il tipo di ricci o mossi che si desidera dipende dalla dimensione del cilindro. Alcuni tipi di onde richiedono diverse dimensioni del cilindro. Per esempio, per ottenere onde morbide e fluide, va bene un cilindro da 2-3 cm di dimensioni.

Anche il materiale con cui viene realizzata una piastra ha una grande importanza. Esistono diversi tipi di materiali disponibili sul mercato. Il materiale più popolare è la ceramica. Cercate di comprare una piastra con cilindri in ceramica al 100%. Evitate invece l’uso di cilindri con rivestimento in ceramica, perché si scheggeranno in breve tempo. Per i capelli più spessi invece si consiglia il titanio.

Uno strumento a voltaggio variabile è importante se si viaggia all’ estero e occorre uno stile in movimento. Anche le funzioni di sicurezza sono molto importanti, come lo spegnimento automatico, un’impugnatura o un supporto resistente al calore, per evitare di danneggiare le superfici quando riposto in un cassetto o temporaneamente non in uso. Un arricciacapelli girevole/rotante è ideale anche per chi ha capelli lunghi, in modo da non dover fare tutto il lavoro da soli. Infine, un cavo d’alimentazione lungo e a spirale è necessario quando si devono fare più rotazioni della piastra se volete evitare di ritrovarvi nel bel mezzo del trattamento con un cavo completamente attorcigliato.

Per concludere, la ricerca della piastra migliore non è troppo diversa dalla ricerca del periodo migliore. La maggiore difficoltà sta nel trovare la giusta combinazione tra lunghezza e larghezza del cilindro.

Tutto dipende dal risultato che si desidera ottenere e dalla capigliatura su cui lavorare. Se si vogliono ottenere riccioli ondulati o stretti, un arricciacapelli dotato di molti accessori è la scelta giusta per la più ampia varietà possibile quando si tratta di creare un look fantastico. La soluzione migliore potrebbe essere, in definitiva, trovare il giusto compromesso tra la velocità e il look desiderato.

Qual è il costo di una piastra per onde?

Il prezzo di una piastra per capelli ondulati varia essenzialmente in base ai materiali con cui è realizzata. Il consiglio degli esperti è non risparmiare e acquistare una piastra per capelli ondulati in ceramica e che diffonda il calore in maniera uniforme, non solo per creare delle onde perfette, ma soprattutto per proteggere i vostri capelli da danni che possono essere permanenti. Il calore è uno dei principali nemici dei capelli ed acquistare una piastra per onde di buona qualità vi aiuterà a preservare la bellezza dei vostri capelli.

Il prezzo parte dai 20-30 euro per quelle più economiche e arriva fino ai 100-200 euro, per un prodotto di ottima qualità.

Tipologie di piastra per capelli ondulati

La piastra triferro sembra la tipologia di piastra più indicata, poiché dotata di tre tubicini, che modellano le ciocche di capelli con un solo passaggio. È molto semplice da utilizzare ed è adatta per tutte le tipologie di onde. È il modo più semplice per ottenere tutte le acconciature con onde e ricci, sicuramente indicata per chi non ha molto tempo da spendere per acconciare i propri capelli. La piastra triferro è diventata la principale antagonista della piastra che veniva utilizzata per la creazione di onde e ricci poco tempo fa, ovvero il cosiddetto arricciacapelli. Si tratta di una piastra formata da un unico tubicino, attorno cui bisogna arrotolare le ciocche dei capelli, ad una ad una, per creare dei capelli mossi e voluminosi.

L’arricciacapelli è ancora molto diffuso e ha goduto di grande popolarità fino a poco tempo fa e, per le donne abituate ad acconciarsi con l’arricciacapelli, creare le onde non sarà poi una sfida impossibile.

L’arricciacapelli, precursore della piastra per onde

Dopo aver imparato ad utilizzare la normale piastra, utilizzare l’arricciacapelli diventa un gioco da ragazzi, ma vogliamo comunque darvi qualche consiglio sul suo utilizzo. L’arricciacapelli è ancora uno degli strumenti preferiti per l’acconciatura dei capelli, perché in grado di creare delle onde impeccabili e naturali.

È formato da un solo cilindro che fa le veci della normale piastra riscaldandosi e bisogna fare molta attenzione durante l’utilizzo perché potrebbe causare facilmente delle ustioni. Questo è uno dei motivi che porterà tutte le donne a sostituirlo con una piastra triferro. Ma per chi lo utilizza da molto tempo ed ha imparato a maneggiarlo con cura ed attenzione, creare dei ricci definiti e perfetti non sarà così complicato.

Ecco qualche suggerimento utile per utilizzare l’arricciacapelli:

Iniziare tenendo l’arricciacapelli con la mano destra. Tenetelo capovolto, sul lato sinistro della testa. Prendete un 2-3 cm di capelli e teneteli di fronte all’arricciacapelli. Utilizzate la mano libera per avvolgere i capelli intorno all’arricciacapelli, lontano dal viso, non solo per modellare meglio le vostre ciocche, ma anche per evitare l’eccesivo calore vicino al volto. Attenzione a non toccare l’arricciacapelli caldo: è questa la parte più delicata e difficile, ma più si pratica, più facile diventa. Iniziate tenendo i capelli dalla radice e avvolgete i capelli attorno al tubo della piastra, mentre lentamente vi spostate verso l’altra estremità.

Assicuratevi di lasciare un centimetro delle estremità fuori dall’arricciacapelli, in modo che rimangano lisci. Se lo si desidera, è possibile lisciare le estremità dopo aver finito o semplicemente lisciare i capelli prima di iniziare l’arricciatura, che è il sistema più utilizzato dalla maggior parte delle donne. In questo modo, si potrà ottenere quell’aspetto più audace con le estremità lisce e smussate. Rilasciare delicatamente i capelli e spostare l’arricciacapelli verso l’alto.

Per completare l’altro lato della testa, è necessario cambiare mano. Tenete l’arricciacapelli nella mano sinistra, capovolgete e tenete la testa sul lato destro. Ancora una volta, assicuratevi di arricciare le vostre ciocche lontano dal viso. Una volta che avrete arricciato tutte le ciocche, vi consigliamo anche di spruzzare una lacca elastica per capelli per fissarli e renderli più brillanti. Acconciateli poi come vi piace di più.

La piastra trifferro: il nuovo trend delle onde

La piastra conosciuta comunemente come piastra per onde o per capelli mossi non è che la piastra triferro, destinata a diventare il nuovo trend per i capelli mossi e ricci. È già sulla buona strada, in quanto pare abbia già conquistato una grande fetta di pubblico femminile, che la preferisce al normale arricciacapelli per la semplicità di utilizzo e per il rischio minore di ustionarsi.

La piastra triferro è ormai uno strumento per l’acconciatura casalinga che fa tendenza e, per questo ne esistono diverse tipologie, che permettono di creare onde morbide o più strette. È formata da 3 cilindri posti in orizzontale, per rendere l’acconciatura più comoda, ma soprattutto sono dotati di un sistema che copre i 3 cilindri evitando le ustioni.

Generalmente i vari modelli di piastra triferro si differenziano tra loro a seconda del diametro dei cilindri. Dovrete, in questo caso, scegliere in base all’effetto che vorrete ottenere. Cilindri con diametro molto grande vi permetterà di creare ricci e mossi molto morbidi, ad effetto naturale; mentre una piastra con un diametro minore vi farà creare dei ricci molto stretti.

È possibile regolare la temperatura, come per tutte le piastre tradizionali, anche se generalmente non supera i 200 gradi. Questo non è un problema, anzi, 200 gradi centigradi è la temperatura massima che generalmente si consiglia di utilizzare per evitare danni permanenti ai capelli.

Operazioni preliminari prima di utilizzare una piastra triferro

Non utilizzare mai la piastra per capelli ondulati direttamente sui capelli. È necessario preparare i capelli per lo styling in maniera corretta. In questa sezione, vi spieghiamo i passaggi necessari per uno stile perfetto. Basta seguire i passi descritti di seguito e prepararsi per onde morbide e ben definite.

Lavare i capelli: si consiglia di lavare i capelli almeno un giorno prima dello styling. I capelli appena lavati non sono adatti per un’acconciatura perfetta. Il consiglio è di applicare sui capelli qualche prodotto che possa renderli più morbidi e pronti per l’arricciatura. Utilizzando questo piccolo trucco, la vostra acconciatura durerà più a lungo.

Asciugare: nell’eventualità che non si possa aspettare un giorno o una notte, assicuratevi che i capelli siano asciutti dopo la doccia. Acconciare i capelli bagnati significa danneggiare irrimediabilmente i follicoli. Evitate quindi di usare la piastra sui capelli bagnati.

Utilizzate un termoprotettore: dopo l’asciugatura, applicare uno spray per la protezione dei capelli di buona qualità. Ci sono un sacco di sieri e spray sul mercato, che fanno appunto da termoprotettori. In questo modo le possibilità di danni a causa del calore diminuiscono notevolmente.

L’unico svantaggio della piastra per capelli ondulati, che la accomuna a tutte le altre tipologie di piastre che utilizzano il calore è che utilizzandola troppo si rischia di rovinare i propri capelli. Per questo si consiglia sempre l’utilizzo di un termoprotettore e anche di non utilizzarla proprio tutti i giorni.

A coloro che hanno i capelli molto lunghi si consiglia di ponderare molto bene la scelta del modello di piastra, perché potrebbe essere snervante se i cilindri non sono abbastanza larghi da permettervi di includere le ciocche fino in fondo. Nessun problema, invece, per chi porta i capelli più corti o di media lunghezza.

Ricordate, è importante arricciare i capelli lontano dal viso. Questo significa che è necessario tenere la piastra nella mano destra per arricciare i capelli sul lato sinistro della testa e viceversa. Poi, tenete la piastra proprio sopra la testa, in maniera verticale, e avvolgete la sezione di un pollice di capelli intorno al cilindro, lontano dal viso. Se la piastra per capelli ondulati è impostata ad una temperatura abbastanza alta, sarà sufficiente tenere ciascuna sezione intorno alla al cilindro per 5-10 secondi prima di rilasciarla. Continuate a farlo intorno alla parte posteriore della testa, quindi passare all’altro lato. A questo punto potreste sentirvi molto scomodi, se non l’avete mai fatto prima, ma non preoccupatevi, perché vi abituerete.

La seconda cosa importante da ricordare è: per impostare la forma di ogni onda, lasciatela allo stesso modo in cui viene rilasciata dopo essere passata attraverso la piastra. Poi tenerlo in mano per circa tre secondi e rilasciarlo.

Inoltre, assicurati di non pettinarti le onde quando sono ancora calde! Questo li farà ammorbidire troppo e subito. Dopo aver rilasciato i riccioli, lasciarli così come sono fino a quando non si raffreddano. Sarà possibile pettinarli in seguito.

La terza cosa essenziale è: non arricciare le estremità. Per i capelli corti, questo significa dover avvolgere ogni ciocca di capelli una sola volta intorno al cilindro. Se creiamo onde fino alle estremità, l’acconciatura finirà per apparire stretta e un po’ datato. Ma ignorate le punte ed otterrete un effetto molto stylish senza sforzo.

A volte le estremità dei capelli agiscono di loro spontanea volontà, forse grazie ad una forza oscura e finiscono per arricciarsi in un po’ nonostante i vostri sforzi per farli restare lisci. Quando questo accade, è sufficiente dare una passata alle estremità con una piastra tradizionale per lisciare i capelli. Noterete subito che questo darà all’insieme un aspetto più naturale all’acconciatura.

Non vi resta che scegliere il modello di piastra per capelli ondulati che fa per voi ed iniziare a creare delle onde da urlo, che pare andranno molto di tendenza la prossima estate.

Per quanto riguarda la piastra onde prezzo, di seguito troverete tante piastre per capelli ondulati adatti ad ogni tipo di capelli e di tasca. I costi infatti sono molto vari e si adattano a tutti i tipi di tasca. Non vi resta che stabilire il tipo di piastra e la piastra onde prezzo, quindi consultare la nostra lista per scegliere la migliore.

 

1. BaByliss C260E Revisione

Le onde morbide, sexy e naturali sono il look del momento e sono davvero versatili: possono essere sfoggiate ogni giorno per un look casual, ma anche la sera e con BaByliss C260E le vostre onde dureranno a lungo. Basta premere i capelli tra la piastra e i cilindri di ceramica creeranno per voi l’effetto onda. Sarete molto sorprese di quanto velocemente si possa trasformare il vostro look.

Per crearli non vi basterà che dividere i capelli in quattro parti e poi spostare la piastra giù fino alla radice dei capelli. Se non si vuole ottenere un effetto ricci, ma onde naturali è consigliato non selezionare delle ciocche troppo vicine tra di.

Sia la piastra grande che i due cilindri hanno un rivestimento in ceramica che li perfetti per la protezione dei capelli, poiché il calore si diffonde in maniera più uniforme. Inoltre, ha 3 diverse impostazioni di calore (160-180-200 gradi centigradi) in modo che se si dispone di capelli fini e ipersensibili o capelli spessi, è sempre possibile utilizzare questo Babyliss C260E.

Inoltre, la piastra ha un meccanismo di spegnimento automatico, per evitare che la temperatura cambi durante l’utilizzo.

Infine, il cavo rotante aumenta la facilità d’uso ed è extra-lungo, infatti misura 2,5 m. La piastra ha un costo che si aggira tra i 30 e i 60 euro ed ha 3 anni di garanzia.

Chi ha acquistato un BaByliss C260E ha espresso solo pareri positivi e questi sono arrivati sia da chi ha i capelli sottili e delicati, sia da chi ha i capelli più spessi, ma soprattutto anche da chi ha diverse texture di capelli. Insomma è la piastra che fa felici sia le lisce, sia le ricce, sia le mosse, ed è un risultato molto difficile da ottenere, poiché generalmente le piastre economiche funzionano bene solo per un tipo di capelli.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

2. BaByliss BAB2269TTE Revisione

La piastra per capelli ondulati BaByliss BAB2269TTE è uno dei prodotti migliori per creare delle onde perfette. La fascia di prezzo cambia un po’ rispetto alla precedente, infatti, il prezzo della versione BAB2269TTE va dai 50 ai 100 euro circa. La piastra per capelli ondulati in questione ha delle piastre di tormalina di 60 mm e la temperatura varia dai 120 ° C ai 200 ° C. Ha 25 modalità di temperatura da selezionare in base alla tipologia dei propri capelli: per chi ha un capello molto sottile è consigliato utilizzare delle temperature più basse; chi, al contrario, ha dei capelli più spessi può utilizzare la piastra a temperature più alte. Presenta 3 cilindri in ceramica di 22 mm, 19 mm e 22 mm. L’impugnatura è rivestita di velluto, quindi è molto comoda e facile da utilizzare e tenerla saldamente in mano sarà meno complesso, ma soprattutto più sicuro.

Ha una modalità cool che è ideale per i capelli di media lunghezza o lunghi. Il cavo è lungo 2,7 metro di cavo ed è girevole, permettendo così di potersi spostare agevolmente da un punto all’altro e di poter cambiare posizione in ogni momento, anche perché la piastra non è leggerissima. Incluso nel prezzo troverete anche dei guanti protettivi per evitare di ustionarsi e un tappetino in cui avvolgere in maniera sicura la piastra dopo l’utilizzo.

Tutti i clienti che l’hanno provata ne sono entusiasti e molto soddisfatti ed hanno tutti espresso un parere positivo. Pare che la piastra sia molto semplice e comoda nell’utilizzo e soprattutto che riesca a creare delle belle onde definite e ad effetto naturale sia sui capelli lisci, sia sui ricci o mossi. Considerando la fascia di prezzo, le prestazioni e i materiali con cui è realizzata, può essere definita tranquillamente come uno dei migliori prodotti sul mercato.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

3. Imetec Bellissima 11619 Revisione

Bellissima di Imetec è sicuramente una delle piastre più conosciute sul mercato, grazie al suo stile e alla sua eleganza, ma soprattutto grazie alle sue prestazioni. La piastra vi permetterà di creare delle onde morbide e luminose sia larghe, sia più strette. Basterà semplicemente selezionare uno stile, premendo un tasto. La piastra è rivestita in ceramica e la temperatura può essere regolata in base a tre livelli, che vanno da 160 gradi a 200 gradi centigradi, grazie al Thermo Control System. La piastra è adatta a tutte le tipologie di capelli.

Il rivestimento delle piastre in ceramica permette di utilizzare la piastra sui capelli senza danneggiarli, poiché il calore viene distribuito in modo più omogeneo. Bellissima di Imetec ha anche una base su cui appoggiarla, in modo tale da utilizzarla in ogni luogo, in maniera semplice e veloce. Ha inoltre un sistema di chiusura, che permette alla piastra di non rovinarsi nel momento in cui non è utilizzata. Ha una luce a led che segnala che se la piastra è accesa o spenta, che può essere azionata con i tasi on/off.

La piastra presenta il caratteristico doppio ferro, che può essere spostato agevolmente grazie a due pulsati posti sui lati, per scegliere la modalità desiderata: per delle onde molto larghe e ad effetto naturale, scegliere il lato più grande; per delle onde più strette e ben definite è meglio scegliere il lato più stretto.

Chiunque provi questa famosissima piastra ne rimane affascinato e soprattutto entusiasta. Infatti la piastra agisce bene su ogni tipologia di capello, creando delle onde ben definite con uno sforzo minimo. È consigliata anche a chi ha dei capelli molto lunghi e questo è un grande vantaggio di questa piastra, poiché spesso questa tipologia di piastra non ha gli effetti desiderati sui capelli lunghi. Bellissima è una delle piastre più amate presente sul mercato.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

4. SONAR F-15 Revisione

La piastra Sonar F-15 è una tipologia di piastra a 5 cilindri di diverso spessore e lunghezza, ideale per creare capelli ricci e onde morbide. Grazie ai 5 cilindri, le cui punte sono rivestite in ceramica con nano tecnologia e ripartizione omogenea, il calore generato è uniforme e ciò permette di raggiungere degli ottimi risultati, con onde naturali, lucide e morbide. I 5 cilindri di diversa lunghezza sono ideali per un’acconciatura con onde definite. Ha i pulsanti on/off e un interruttore per controllare la temperatura. La temperatura massima che riesce a raggiungere è di 210 gradi centigradi, ma è possibile regolarla impostando la temperatura di 180 gradi centigradi.

Pesa 552 grammi; le dimensioni sono 35 x 9 cm; il diametro dei cilindri è di 2 cm; l’alimentazione è di tipo AC220 50 HZ; ha un cavo girevole di 360 gradi; ha pulsanti on/off e un indicatore al led. Inoltre, la piastra è dotato di un supporto di sicurezza.

Il costo è attualmente di 14,00 euro ed è chiaro che la qualità non potrà certo essere uguale a quelle di fascia media, di cui abbiamo parlato sin ora.

I consumatori che l’hanno acquistato non sono completamente soddisfatti, in quanto pare che la piastra non definisca bene qualche tipo di capello. Nonostante abbia 5 diversi cilindri e quindi può essere adatta a chi ha i capelli lunghi, le esperienze dei clienti che l’hanno utilizzata su capelli lunghi non è soddisfacente. È più adatta a chi ha i capelli di una lunghezza media e lisci. Nonostante i materiali non siano proprio eccellenti è stata anche apprezzata, da chi l’ha acquistata senza troppe pretese dato il prezzo di acquisto. Nel complesso è una piastra che può essere definita media, che crea onde definite solo su alcune tipologie di capelli ed è adatta a chi non ha troppe pretese.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

5. SONAR F-11 Revisione

La piastra Sonar F-11 caratterizzata da un colore rosa acceso molto di tendenza è formata da 3 cilindri dello spessore di 3 cm, creati ad hoc per ottenere delle onde morbide in maniera semplice, ma soprattutto senza perdere troppo tempo per creare un’acconciatura. Il manico nero è antiscivolo e ciò garantisce una presa sicura durante l’uso. La piastra pesa 400 grammi e per quanto riguarda le altre specifiche misura 35 cm di lunghezza, 10 cm di ampiezza e 3 cm di spessore. Ha un pulsante on/off ed un interruttore per il controllo della temperatura, proprio come il precedente modello. Ha inoltre un cavo girevole che permette a chi la usa di potersi spostare agilmente, senza contare i propri passi. È ideale per essere portata in viaggio in quanto il voltaggio è universale e quindi non necessita di riduttori particolari.

 

È realizzata in ceramica e come tutte le piastre per capelli ondulati con più cilindri, per creare le onde della vostra piega basterà inserire la ciocca tra i vari cilindri per avere delle onde ben definite.

Il costo si inserisce in una fascia medio-bassa, in quanto oscilla tra i 12 e i 20 euro.

Chi l’ha acquistata l’ha descritta come una piastra tutto sommato buona, che riesce a fare il proprio lavoro, anche se le onde che crea sono molto morbide. Per questo è indicata a chi non cerca un ondulato troppo stretto e a chi non è di molte pretese. I materiali con cui è realizzata sono discreti, ma non eccezionali, ma d’altronde per quel prezzo è difficile trovare di meglio. Per concludere, considerando il rapporto qualità prezzo, si presenta comunque come un buon prodotto.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT