I subwoofer sono degli altoparlanti che migliorano la diffusione delle basse frequenze. Si tratta di uno strumento ideale per tutti gli appassionati di musica ed è possibile acquistare dei subwoofer da aggiungere al vostro impianto audio, o anche dei subwoofer ideali per l’impianto in auto. Qui di seguito troverete i migliori prodotti, in base a prezzo e qualità.

 ImmagineNomeValutazioneControlla il prezzo

1 di 5

YAMAHA YST-SW012

4.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

2 di 5

JBL CS1204B

4.0

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

3 di 5

YAMAHA NS-SW200

3.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

4 di 5

PIONEER TS-W311D4

3.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

5 di 5

ALPINE SWT-12S4

3.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it
1 di 5
YAMAHA YST-SW012
Valutazione
4.5
CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it
2 di 5
JBL CS1204B
Valutazione
4.0
CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it
3 di 5
YAMAHA NS-SW200
Valutazione
3.5
CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it
4 di 5
PIONEER TS-W311D4
Valutazione
3.5
CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it
5 di 5
ALPINE SWT-12S4
Valutazione
3.5
CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

I subwoofer vengono spesso equivocati, sia nel nome che nelle applicazioni. Anche se la loro reputazione è quella di garantire bassi potenti, non sono necessariamente del tutto inadatti ad essere utilizzati nella sala d’ascolto. Anche se è necessario porre una certa attenzione e pazienza per settarli e integrarli correttamente, i risultati possono migliorare il suono di un’ampia gamma di sistemi audio, anche se non è evidente. In poche parole, è possibile migliorare notevolmente le prestazioni di un sistema audio aggiungendo un subwoofer (o una coppia di subwoofer).

In primo luogo, la definizione di base. Un subwoofer è un altoparlante che produce basse frequenze che incrementano ed estendono l’uscita dei bassi di un sistema di altoparlanti full-range. Il termine subwoofer viene usato in modo improprio per descrivere qualsiasi sistema di altoparlanti per basse frequenze racchiuso in un cabinet separato. In realtà, subwoofer significa “sotto il woofer”, e il termine andrebbe riservato a quei prodotti che estendono la risposta dei bassi al di sotto dei 20Hz. Un driver a bassa frequenza in un cabinet con un’uscita che si estende fino a 40 Hz e utilizzato con piccoli diffusori satellite è più propriamente chiamato woofer.

Avrete anche avuto modo di vedere altoparlanti full-range con un “subwoofer” integrato, alimentato dal proprio amplificatore. La maggior parte di questi prodotti impiega in realtà woofer che sono semplicemente alimentati da un amplificatore di potenza integrato. Un tale modello libera l’amplificatore principale dall’onere di alimentare il woofer, ma i diffusori devono essere collegati a una presa di corrente CA. Le tipologie di subwoofer che potrete trovare in giro sono tantissime: subwoofer wireless, subwoofer per casa, subwoofer piatto, subwoofer per tv, per auto e molti altri ancora.

Come funziona un subwoofer?

Esistono due tipi di subwoofer: passivo e attivo, non ci pronunceremo sui migliori subwoofer, ma analizzeremo le varie caratteristiche, starà a voi scegliere. Un subwoofer passivo è costituito semplicemente da uno o più woofer in un contenitore, alimentati da un amplificatore esterno. In alcune varianti di subwoofer passivo, anche il subwoofer viene alimentato dallo stesso amplificatore stereo collegato agli altoparlanti principali. Con questo metodo, meno consigliabile, l’uscita a gamma intera di un amplificatore di potenza viene inviata al subwoofer, mentre un filtro crossover nel subwoofer rimuove le basse frequenze dal segnale e invia il segnale filtrato agli altoparlanti principali. Questa tecnica aggiunge un ulteriore crossover nel percorso del segnale, per filtrare i bassi dai segnali che guidano gli altoparlanti principali. Alcuni subwoofer sono progettati per estendere la risposta del sistema ai bassi senza filtrare i bassi dal segnale che alimenta gli altoparlanti principali. Anche se questa tecnica non aggiunge un crossover al percorso del segnale, non aumenta nemmeno la gestione della potenza dei diffusori principali. Tenere i bassi fuori dai diffusori principali ha molti vantaggi, tra cui una gamma media molto più pulita.

Un metodo migliore per pilotare il subwoofer passivo è il crossover elettronico e l’amplificatore esterno. Con questo metodo è possibile separare i bassi dal segnale che pilota gli altoparlanti principali a livello della linea, il che è molto meno dannoso per il segnale rispetto al filtraggio al livello degli altoparlanti. Inoltre, l’aggiunta di un amplificatore separato per il subwoofer aumenta notevolmente la gamma dinamica del sistema e libera l’amplificatore degli altoparlanti principali dal carico di dover pilotare il subwoofer. L’aggiunta di un crossover di linea e di un amplificatore di potenza trasforma il subwoofer passivo in un subwoofer attivo e rende il sistema biamplificato.

Un subwoofer attivo indipendente combina un subwoofer con un crossover a livello di linea e un finale di potenza in un unico cabinet, eliminando la necessità di scomparti e amplificatori separati. Un subwoofer amplificato di questo tipo dispone di ingressi di linea (che vengono alimentati dal preamplificatore), uscite di linea (che pilotano l’amplificatore di potenza) e un controllo del volume per il livello del subwoofer. L’uscita di linea viene filtrata, rimuovendo le basse frequenze dal segnale inviato agli amplificatori che controllano gli altoparlanti principali. Questa frequenza di crossover è regolabile per consentire di selezionare la frequenza che offre la migliore integrazione con gli altoparlanti principali.

Suggerimenti per la collocazione del subwoofer

La posizione in cui viene posto un subwoofer ha anche grande effetto sulla quantità di bassi che si sentono e su quanto bene il subwoofer si integra con i diffusori principali. Quando un subwoofer è posizionato correttamente, i bassi saranno puliti, diretti, veloci e potenti. Un subwoofer ben posizionato produrrà anche un suono ben integrato tra sub e altoparlanti anteriori, e non si sentirà come una fonte separata di suono. Un subwoofer mal posizionato suona gonfio, troppo pesante e spesso privo di dettagli, lento e con scarso impatto dinamico. Inoltre, potreste anche notare distintamente i punti in cui i diffusori anteriori vengono sovrastati dal subwoofer.

Ecco alcune linee guida generali per il posizionamento dei subwoofer. Come per i diffusori full-range, evitate di mettere il sub alla stessa distanza rispetto alla parete. Ad esempio, se la superficie della vostra stanza è di 6×6 metri, non posizionate i subwoofer in corrispondenza del centro di tutte e due le pareti. Allo stesso modo, non mettere il subwoofer vicino ad un angolo ed equidistante dalle pareti laterali e frontali. Piuttosto, è consigliabile un collocamento sfalsato, in quanto i bassi vengono ammorbiditi dal rimbalzo “casuale” e non simmetrico delle onde sulle pareti.

È inoltre possibile ottenere maggiore impatto dinamico e chiarezza dal subwoofer posizionandolo vicino alla posizione di ascolto. Sedersi vicino al subwoofer significa sentire più del suono diretto del subwoofer e meno del suono che riflesso dalle pareti della stanza. Si sente, sia dalle orecchie che dalla pelle, di più il lancio delle onde a bassa frequenza, che aggiunge un impatto viscerale.

Il modo più efficace e semplice per posizionare un subwoofer è quello di posizionarlo temporaneamente il più vicino possibile alla posizione d’ascolto, se possibile sollevandolo dal pavimento, in modo che sia più vicino alle orecchie di chi ascolta. Suonate un brano musicale con una linea di basso ascendente e discendente, di quelli presenti in un pezzo di basso “a piedi” nel jazz in diretta. Spostatevi nella stanza girando su voi stessi, assicurandovi che nessuno vi stia guardando mentre lo fate… fino a trovare il punto in cui i bassi suonano meglio, e dove ogni nota di basso ha più o meno lo stesso volume e la stessa nitidezza. Evitate posizioni in cui alcune note risuonano più a lungo e/o suonano più lentamente o più spesso di altre. Una volta determinato il punto in cui il basso suona meglio, posizionate il subwoofer in modo permanente, e ascoltate nuovamente: i bassi dovrebbero suonare in modo naturale.

Caratteristiche particolari che li rendono migliori ad altri prodotti simili

Un subwoofer attivo può incrementare notevolmente la gamma dinamica, l’estensione dei bassi, la chiarezza dei medi e la capacità di suonare a volumi elevati senza sovraccaricare il sistema. La potenza aggiuntiva dell’amplificatore e il driver per le basse frequenze permettono al sistema di riprodurre picchi musicali a un livello superiore. Inoltre, la rimozione delle basse frequenze dal segnale che pilota gli altoparlanti principali permette loro di essere più forti in quanto non riproducono le basse frequenze. La gamma dei medi diventa spesso più nitida perché il cono del woofer non si muove in maniera brusca avanti e indietro cercando di riprodurre i bassi. Questo miglioramento delle prestazioni può essere straordinario per un altoparlante di piccole dimensioni. L’escursione di un woofer piccolo non è più un fattore limitante per quanto riguarda il volume di riproduzione del sistema dal momento che le basse frequenze vengono filtrate dal segnale che lo pilota. Il midrange è molto più pulito e l’intero sistema suona come un altoparlante grande e full-range.

Passiamo ora alle cattive notizie. Purtroppo, i subwoofer possono degradare le prestazioni musicali di un sistema di riproduzione. I motivi possono essere la cattiva progettazione del subwoofer stesso (molto frequente), l’errata configurazione o, come sempre più spesso accade, il fatto che il subwoofer sia progettato per riprodurre esplosioni in un sistema home theater, non riuscendo quindi a rendere le sfumature del suono.

Dimensioni medie dei subwoofer

Generalmente, i subwoofer sono scatole che possono stare a stento sotto un tavolino. All’interno c’è un altoparlante abbastanza grande e di solito l’amplificatore che lo alimenta. Per ottenere le migliori prestazioni, un altoparlante dovrebbe avere un po’ di spazio nel cabinet che lo ospita. Quindi, in teoria, un altoparlante da 12 pollici avrà una scatola di dimensioni decenti, mentre un altoparlante da 8 pollici potrebbe avere una scatola più piccola.

Il problema è che le onde sono molto lunghe, quindi l’altoparlante deve lavorare sodo per produrre quelle onde nei volumi che si sentono. Un modo per farlo è con un driver più grande, 12 pollici è una dimensione comune, ma è possibile trovare modelli da 15 pollici. Alcuni modelli sono dotati di più driver. E no, due driver da 6 pollici non possono equivalere a uno da 12 pollici, ma suonano quasi sempre meglio di un solo altoparlante da 6 pollici.

Un altro aspetto è quello della grande potenza. Con dimensioni ridotte degli altoparlanti e del cabinet, la potenza deve essere aumentata per compensare. Quindi, in teoria, un sub da 8 pollici in una piccola scatola potrebbe suonare simile a un sub da 12 pollici in una scatola grande se avesse una potenza significativamente maggiore.

Design e caratteristiche dei subwoofer

Alcuni subwoofer dispongono anche di una manopola o di un interruttore contrassegnati dalla dicitura “fase”. La fase è essenzialmente un intervallo di tempo tra due onde sonore. Per comprendere il controllo di fase di un subwoofer, analizzate il tempo d’arrivo di un’onda sonora lanciata contemporaneamente dal subwoofer e dagli altoparlanti principali. A meno che gli altoparlanti principali e il subwoofer non equidistanti dalle orecchie, queste due onde sonore arriveranno alle orecchie in momenti diversi, cioè avranno uno sfasamento tra di loro. Inoltre, l’elettronica all’interno di un subwoofer può creare uno sfasamento del segnale. Il controllo di fase del subwoofer consente di ritardare l’onda generata dal subwoofer in modo che sia perfettamente in sincronia con l’onda proveniente dall’altoparlante principale. Quando le onde sonore sono in fase, si sente un suono più coerente e meglio integrato. Un modo per impostare il controllo di fase è quello di sedersi nella posizione di ascolto con la musica riprodotta attraverso il sistema. Chiedi a un amico di ruotare il controllo di fase (o di ruotare l’interruttore di fase) fino a quando il basso non suona più uniforme.

Ma c’è un modo molto più preciso di impostare il controllo di fase che garantisce un allineamento di fase perfetto tra il subwoofer e i diffusori principali. In primo luogo, invertite i collegamenti sui diffusori principali in modo che il cavo nero dell’altoparlante vada al connettore rosso dell’altoparlante e il cavo rosso vada al connettore nero dell’altoparlante, e ripetete la stessa operazione per entrambi i diffusori. Ora, da un CD di prova o da un’applicazione che offre toni di prova puri, selezionate la traccia la cui frequenza coincide con quella di crossover del subwoofer. Sedetevi in posizione di ascolto e chiedete a un amico di ruotare il controllo di fase del subwoofer fino a quando non sentite la minima quantità di bassi. Il controllo di fase del subwoofer è ora impostato alla perfezione. Riportate i collegamenti dei diffusori nelle posizioni corrette: da rosso a rosso, da nero a nero.

Ecco cosa succede quando si segue questa procedura: invertendo la polarità dei diffusori principali, li si mette fuori fase con il subwoofer. Quando si riproduce un segnale di prova la cui frequenza è uguale al punto di crossover del subwoofer, sia il sub che i diffusori principali riprodurranno tale frequenza. Quando le onde dei diffusori principali e dei subwoofer sono fuori fase, si udiranno bassi minimi. Ciò significa che quando i coni dei diffusori principali si muovono all’interno, il cono del subwoofer si sta spostando all’esterno. Le due onde fuori fase si annullano a vicenda, producendo pochissimi bassi. Ora, quando si riportano i diffusori principali al loro corretto collegamento (riposizionandoli in fase con il subwoofer), essi saranno perfettamente in fase con il subwoofer. Questo è il modo più accurato per impostare il controllo di fase di un subwoofer, in quanto è più facile sentire e identificare il punto di massima cancellazione piuttosto che il punto di massimo rinforzo. A meno che non si sposti successivamente il subwoofer o i diffusori principali, è necessario eseguire questo esercizio una sola volta.

Una funzione utile e più moderna del subwoofer è costituita da un circuito di equalizzazione automatica che misura la risposta di frequenza nella stanza e adatta l’uscita del subwoofer in modo da fornire una risposta più piatta. Si colleghi un microfono di calibrazione in dotazione al subwoofer, si prema un pulsante e il subwoofer emetterà una serie di toni che vengono raccolti dal microfono e analizzati da un circuito nel subwoofer. Il subwoofer equalizza quindi la sua uscita, applicando un boost a determinate frequenze e un taglio ad altre, in modo che l’uscita risultante sia la più piatta possibile.

In quali situazioni i subwoofer sono più utili?

Esaminiamo ora le problematiche dei subwoofer a livello teorico. In primo luogo, la maggior parte dei subwoofer, passivi o attivi, aggiunge elettronica al percorso del segnale. Il crossover interno del subwoofer attivo potrebbe non essere della massima qualità. Anche i crossover ben eseguiti possono comunque degradare la purezza dei componenti di sorgente anche di alta qualità, dei preamplificatori e degli amplificatori. Questo inconveniente può essere evitato facendo funzionare i diffusori principali a gamma completa (senza roll-off), ma si perdono i vantaggi in termini di dinamicità e di chiarezza dei medi dal momento che le basse frequenze vengono tenute lontane dai diffusori principali.

In secondo luogo, la qualità dei bassi del subwoofer potrebbe essere scadente. Il subwoofer può muovere molta aria e fornire un’estensione profonda, ma un subwoofer mal progettato spesso aggiunge ulteriore potenza alla gamma dei bassi. Invece che aumentare la vostra capacità di ascoltare ciò che sta succedendo nei bassi, un subwoofer spesso offusca alcune informazioni musicali.

In terzo luogo, un subwoofer potrebbe non integrarsi armonicamente con i diffusori principali a livello musicale. Le frequenze molto basse riprodotte dal subwoofer possono suonare diverse dai medio-bassi prodotti dai diffusori principali. Il risultato è una discontinuità che distrae estremamente nella trama musicale. Questa discontinuità si manifesta con una modifica del suono, ad esempio, del contrabbasso acustico in diversi registri musicali. Le linee di basso ascendenti e discendenti dovrebbero scorrere oltre il punto di crossover senza alcun cambiamento percettibile nel timbro o nella dinamica.

Un altro fattore che può rendere difficile l’integrazione di un subwoofer è l’abbinamento di un subwoofer debole a diffusori principali robusti e articolati. In altre parole, il suono di un subwoofer meno smorzato non si integrerà in modo ottimale con quello di una coppia di diffusori smorzati.

Quarto, i subwoofer spesso cedono un po’ in termini di risoluzione dell’intonazione e mancanza di sbalzo a fronte di una maggiore sensibilità o un’estensione più profonda. Ciò è vero in particolare per i subwoofer progettati per l’home theater. Di conseguenza, molti subwoofer suonano gonfi, “lenti” e privi di dettagli.

Infine, c’è il problema dell’energia dispersa. Per rendere più omogenea la risposta della stanza alle basse frequenze cui è esposta, potrebbe essere necessario dover utilizzare non un subwoofer ma due, o più. Il posizionamento quindi è cruciale: non è possibile posizionare un subwoofer in un punto qualsiasi e aspettarsi risultati ottimali.

Tutti questi problemi vengono spesso peggiorati dalla tendenza diffusa a impostare livelli troppo alti per i subwoofer. Il motivo per cui molti spingono al massimo il proprio subwoofer segue questo ragionamento: una volta spesi molti soldi, bisogna verificare che il prodotto acquistato sia molto potente. Tuttavia, se siete consapevoli di cosa significhi introdurre un subwoofer nell’impianto audio, e quindi quale sia il suo contributo sonoro, o i suoi livelli sono troppo alti, o non è posizionato correttamente, o è stato progettato male. Il complimento più grande che si possa fare a un subwoofer è quello di non essere facilmente intellegibile. Un subwoofer di qualità riproduce suoni che si integrano perfettamente nella trama musicale, senza richiamare troppo l’attenzione su di sé.

Per questi motivi, in molti casi un impianto composto da subwoofer e diffusori satellite può sovraperformare un sistema di altoparlanti full-range di prezzo simile.

Ecco alcune ragioni:

I satelliti possono essere posizionati per ottenere il miglior palcoscenico sonoro senza tenere conto di come tale posizione influisca sulla risposta dei bassi.

I subwoofer possono essere posizionati per la migliore integrazione dei bassi nella stanza, senza alcun riguardo per il palcoscenico.

Costruire un contenitore per subwoofer è molto più economico che costruirne uno per un altoparlante più grande a gamma intera, che può avere una struttura costosa e finiture in legno o vernice. Il subwoofer è meno probabile che sia una parte prominente dell’arredamento della casa, e quindi non richiede una qualità di finitura sontuosa.

Il sistema subwoofer e diffusori satellite offre un’ampia misura di controllo sulle prestazioni dei bassi, compresa la quantità di bassi e la loro integrazione con l’ambiente. Un altoparlante a gamma intera non offre questo tipo di controllo.

Tuttavia, bisogna aggiungere due grandi avvertimenti. Il primo è che il subwoofer deve essere di qualità eccezionale ed essere progettato per prestazioni musicali, non per i sempre più diffusi home theatre. Tra le centinaia di subwoofer presenti sul mercato, solo una minima parte rientra in questa categoria. In secondo luogo, sono necessarie una grande abilità e pazienza per ottenere una integrazione perfetta tra il subwoofer e i satelliti e per una risposta uniforme ai bassi. Il sistema subwoofer/satellite è la scelta migliore per chi ama l’aspetto tecnico dell’audio piuttosto che per gli amanti della musica che vogliono solo un buon suono senza dover risalire la curva di apprendimento.

Come scegliere il giusto subwoofer per i vostri bisogni?

Se volete scegliere singoli componenti e creare un sistema personalizzato, esaminate i componenti del subwoofer. Un sub è costituito solo da un altoparlante che dovrà essere montato in un cabinet e dovrà essere alimentato da un amplificatore esterno. I subwoofer hanno di solito un diametro che varia dagli 8 ai 15 pollici. Possono operare a bassa o ad alta potenza. È possibile inoltre scegliere tra diverse impostazioni di impedenza.

Se preferite una combinazione di sub/box pronta all’uso, cercate un subwoofer integrato, già premontato in una scatola. Questo ridurrà il lavoro necessario per progettare e costruire il sistema, ma ridurrà anche le opzioni. Per alimentare il subwoofer è comunque necessario un amplificatore esterno.

Se preferite invece una soluzione semplice e salvaspazio, scegliete un subwoofer alimentato, che dispone sia di un amplificatore che di un subwoofer già alloggiati in un cabinet. Sarà necessario installare un solo componente poiché l’amplificatore è incluso. I subwoofer alimentati non occupano molto spazio, ma non sono in grado di produrre bassi veramente potenti.

Infine, se desiderate un sub che si adatti all’abitacolo del vostro veicolo, cercate un sub specifico per il veicolo stesso, alimentato o no. I subwoofer auto sono progettati per essere installati in posizioni non accessibili e possono adattarsi agli interni del veicolo, per esempio è possibile inserire il subwoofer sotto sedile. Non producono grossi bassi, ma vanno bene per le esigenze della maggior parte delle persone.

Ovviamente nel momento della scelta è bene anche considerare i subwoofer prezzi: è possibile trovare diversi subwoofer offerta online. Sul web potrete trovare diversi modelli e offerte, quindi anche un subwoofer economico. Su Amazon, ad esempio, potrete trovare un’ampia scelta per quanto riguarda la vendita subwoofer, soprattutto potrete trovare i miglior subwoofer qualità prezzo, valutando ovviamente il costo subwoofer.

Quanto tempo bisogna impiegare per impostare i subwoofer?

È relativamente facile inserire un subwoofer nel sistema e percepire più bassi. La cosa difficile è far sì che i bassi del subwoofer si integrino con il suono dei diffusori principali. I bassi riprodotti dai grandi coni del subwoofer possono suonare in modo diverso rispetto a quelli riprodotti dai coni più piccoli dei diffusori sinistro e destro. Un subwoofer ben integrato produce un suono fluido, naturale e senza contraccolpi. Un subwoofer mal integrato suonerà ruvido, pesante e innaturale, richiamando l’attenzione sul fatto che avete diffusori più piccoli che riproducono lo spettro di frequenza dalla gamma dai medio-bassi in su, e un grande subwoofer che emette bassi.

L’integrazione di un subwoofer nel sistema è una sfida perché il subwoofer è ottimizzato per riprodurre molti bassi, non per riprodurre i dettagli. Il basso degli altoparlanti principali è veloce, pulito e articolato. Il basso del subwoofer è spesso lento e pesante. La parola “lento” in questa applicazione non è tecnicamente corretta, ma descrive vividamente come suona un tale subwoofer. Più precisamente, un subwoofer “lento” ha un eccessivo delay temporale: il cono continua a muoversi fino a molto tempo dopo che il segnale si è fermato, il che trasmette l’impressione che il basso sia “lento”.

Ottenere una buona integrazione tra i diffusori di piccole dimensioni e un subwoofer è più facile se si acquista un sistema completo realizzato da un produttore unico. Tali sistemi sono progettati per lavorare insieme e garantire una transizione fluida tra i subwoofer e i diffusori principali. In particolare, il crossover rimuove i bassi dai diffusori destro e sinistro e rimuove le frequenze medie e alte dal segnale che pilota il subwoofer. Se tutti questi dettagli sono gestiti dallo stesso progettista, è molto più probabile che il risultato sia una transizione fluida rispetto a quella ottenuta da un subwoofer aggiuntivo realizzato da un altro produttore.

Quanto durano i subwoofer?

Gli altoparlanti possono durare per decenni. La tecnologia dei diffusori non è cambiata molto nel corso degli anni, nonostante l’introduzione di più kevlar e fibra di carbonio nei driver. In definitiva, la maggior parte di essi sono abbastanza simili agli altoparlanti di oltre 30 anni fa.

Il problema più comune legato all’età è la degradazione della schiuma dei bordi degli altoparlanti, in genere i woofer, dovuta all’esposizione agli agenti esterni. In particolare, se questi continuano ad essere utilizzati nonostante una schiuma degradata o addirittura non più esistente, possono verificarsi danni irreversibili ai componenti interni, per non parlare del suono orribile che si produce.

 

1. Yamaha YST-SW012 Revisione

La Yamaha è stata fondata nel 1887, momento in danno il via alla loro produzione di strumenti musicali che inizia con la realizzazione del primo organo con tastiera, per continuare con il pianoforte e così via. La Yamaha è diventata poi una delle aziende più conosciute al mondo nel campo degli strumenti musicali e ancor oggi continua ad affermarsi sul mercato, anche se la richiesta di alcuni strumenti musicali è molto calata col tempo. La Yamaha, però, ha saputo reinventarsi dedicandosi anche a strumenti ed accessori secondari come cuffie o strumenti per audio e video, tra cui casse e subwoofer. Si tratta sempre di oggetti ed accessori dedicati ai musicisti e che possono risultare indispensabili, ma soprattutto si tratta di prodotti di grande qualità.

Il subwoofer Yamaha YST-SW012, per esempio, ha una potenza di 100 W e può andarsi ad aggiungere anche a sistemi audio già esistenti. È di colore nero ed è a diffusione frontale. Il prodotto è in vendita su Amazon al prezzo di 129,00 euro e si inserisce in una fascia di prezzo media. Sempre su Amazon il subwoofer in questione ha raggiunto le 4,5 stelle su 5, su una media basata su 157 recensioni da parte degli utenti. Il 70% dei clienti che l’ha provato ha dato 5 stelle; il 19% ha dato 4 stelle; il 9% ha dato 3 stelle; l’1% ha dato 2 stelle e 1 stella. Il prodotto è stato quindi molto apprezzato dagli utenti che ne hanno apprezzato in particolare la qualità, le prestazioni, il prezzo e per i bassi molto potenti. Molti invece non hanno apprezzato i comandi e i tasti per regolare le impostazioni posti nella parte posteriore, così come il tasto d’accensione. Nel complesso è un ottimo prodotto con un buon rapporto qualità/prezzo.

Vantaggi:

  • Qualità
  • Prezzo
  • Prestazioni
  • Potenza
  • Pienezza dei bassi
  • Installazione facile

Svantaggi:

  • Comandi posteriori
  • Cavo in dotazione non eccellente
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

2. JBL CS1204B Revisione

La JBL è un’azienda americana fondata nel 1946, che si occupa della realizzazione di speaker, altoparlanti, cuffie e tutto ciò che ha a che fare con l’audio. Nel corso degli anni la sua produzione si è rivolta principalmente al mercato del cinema, producendo accessori e strumenti, ma ha poi espanso il suo mercato occupandosi di altri dispositivi audio, ideali anche per un uso individuale. Questo brand è stato poi rilevato dalla famosa compagnia coreana Samsung. La JBL è conosciuta per la grande attenzione che dedica alla produzione dei suoi prodotti e quindi alla grande qualità che assicura da sempre. Come il subwoofer JBL CS1204B, da 1000 watt di potenza e adatto per tutti gli ascoltatori che esigono una grande qualità di suono.

Questo subwoofer è adatto per tutti i tipi di ascolti e soprattutto è possibile collegarlo a qualsiasi dispositivo audio e anche ad amplificatori, che siano però caratterizzati da una bassa potenza. È possibile acquistare questo potente subwoofer, oltre che sui canali ufficiali, anche su Amazon, dove è in vendita al prezzo di 119,99 euro. Sul sito il prodotto è stato molto apprezzato, guadagnandosi il punteggio di 4,8 stelle su 5, calcolato su una media di 77 recensioni pubblicate dagli utenti: l’88% ha dato 5 stelle; l’8% ha dato 4 stelle e il 4% ha dato 3 stelle. Questi hanno apprezzato il subwoofer in particolare per la qualità del suono, per la potenza, per la precisione, per la resistenza, per l’assenza di distorsioni del suono. Anche sotto stress il subwoofer riesce a rendere al massimo, grazie agli ottimi elementi. È stato meno apprezzato da qualche utente per la mancanza di intensità del suono. Ad ogni modo si conferma come uno dei migliori prodotti, anche tenendo conto del prezzo che fa riferimento ad una fascia media.

Vantaggi:

  • Versatilità
  • Qualità
  • Precisione
  • Potenza
  • Resistenza

Svantaggi:

  • Suono secco
  • Mancanza d’intensità
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

3. Yamaha NS-SW200 Revisione

La Yamaha è un’azienda giapponese che propone i suoi prodotti sui mercati di tutto il mondo e raccoglie molti consensi grazie alla qualità che da sempre la contraddistingue. Il suo brand è sinonimo di strumenti musicali di grande qualità e di accessori ideali per tutti i musicisti. Tra gli strumenti musicali ci sono anche i subwoofer, che sono essenziali per percepire le basse frequenze e sono indispensabili per gli impianti home theatre e anche per qualsiasi dispositivo audio. Il subwoofer Yamaha NS-SW200, per esempio, è uno dei migliori prodotti di prezzo medio-alto.

È di colore bianco e i controlli di volume ed accensioni sono posti sulla parte anteriore, mentre i fori per i vari cavi si trovano nella parte posteriore, per una maggiore comodità. Su Amazon il subwoofer ha totalizzato 4,4 stelle su 5, punteggio calcolato su 19 recensioni scritte dai clienti che hanno acquistato e provato il prodotto. Il 58% degli utenti ha dato 5 stelle; il 37% ha dato 4 stelle; il 5% ha dato 3 stelle. È un ottimo punteggio, anche se calcolato su poche recensioni, ma il fatto che nessuno abbia dato voti da 1 a 3 stelle è già incoraggiante. I clienti che hanno recensito il prodotto hanno apprezzato particolarmente la compattezza, la realizzazione, il suono definito, il design. È stato un po’ criticato per la modalità di spegnimento automatica che risulta un po’ scarsa. Per il resto si tratta di un prodotto nella media, forse considerandone il prezzo, è possibile trovare qualcosa di meglio sul mercato. Nel complesso rimane un buon prodotto, ma senza troppe pretese, sicuramente adeguato per entry level e non per esperti.

Vantaggi:

  • Qualità
  • Compattezza
  • Suono definito
  • Non rimbomba

Design

Svantaggi:

  • Spegnimento automatico inadeguato
  • Prezzo
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

4. Pioneer TS-W311D4 Revisione

Pioneer è una multinazionale giapponese operante nel settore audio dove si occupa della realizzazione di supporti audio, supporti per dj, impianti audio per auto e sport. La compagnia, fondata nel 1938, supporta un brand che è diventato un sinonimo di qualità audio ed infatti vanta una serie di innovazioni nel campo, come il primo lettore CD da poter installare in auto o novità nel mondo della TV satellitare. I prodotti della Pioneer, anche quelli di fascia media, sono prodotti di grande qualità e realizzati con i migliori componenti che è possibile trovare sul mercato. Parlando di prodotti di qualità, il subwoofer Pioneer TS-W311D4 è un ottimo prodotto, con un prezzo di fascia medio-bassa. Si tratta di un subwoofer a doppia bobina, con una potenza di 1400 watt e di colore nero. Questo subwoofer è dotato di un cestello chiuso, che salvaguarda le frequenze, emettendo dei bassi ben definiti.

Sempre sul noto sito di vendite il prodotto ha totalizzato 4,4 stelle su 5, punteggio calcolato su 10 recensioni inserite dagli utenti. Il 70% degli utenti ha dato 5 stelle; il 10% ha dato 4 stelle; il 20% ha dato 3 stelle; nessuno ha da dato voti inferiori. Questo subwoofer è stato apprezzato soprattutto per l’efficienza, la sensibilità e per il rapporto qualità/prezzo. Qualche critica degli utenti riguarda solo la necessità di un amplificatore per farlo rendere al massimo. Nel complesso rimane un ottimo prodotto, soprattutto considerando il prezzo, che si inserisce in una fascia molto bassa. In ogni caso, se acquistate da Amazon avrete anche l’opportunità di poter restituire il prodotto in caso questo non vi soddisfacesse appieno.

Vantaggi:

  • Efficienza
  • Sensibilità
  • Qualità

Svantaggi:

  • Può avere bisogno di un amplificatore per dare il massimo
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

5. Alpine SWT-12S4 Revisione

L’azienda Alpine è specializzata nella realizzazione di sistemi audio, di accessori per auto, sistemi di navigazione in particolare per Audi, Mercedes e BMW. La sua sede si trova a Shinagawa, in Giappone e i suoi prodotti si sono diffusi in tutti i mercati mondiali, superando i confini nazionali. Tra gli accessori per auto di cui si occupa, ci sono anche i subwoofer per la radio interna. Come ad esempio l’Alpine SWT-12S4, un subwoofer a tubo, dalla potenza di 1000 watt, che è possibile installare direttamente nella vostra auto. È indicato soprattutto per chi ama le basse frequenze ed ha una griglia di protezione, per impedire che si possa guastare.

I clienti che hanno recensito il prodotto su Amazon, hanno dato delle valutazioni ottime; il 78% degli utenti, infatti, ha dato 5 stelle; il 6% ha dato 4 stelle; l’8% ha dato 3 stelle e sempre l’8% ha dato 1 stella, per un totale di 4,2 stelle su 5, su 36 recensioni inserite dagli utenti. È stato apprezzato in particolare per l’efficienza, per la nitidezza e la profondità del suono e per il rapporto qualità/prezzo. Gli altri utenti si sono lamentati di alcuni problemi di spedizione e difetti di fabbrica. Ad ogni modo questo tipo di subwoofer è molto grande e se si possiede un’auto di piccole dimensioni non sarà la scelta ideale, poiché occuperà tutto lo spazio a disposizione, senza permettervi di utilizzare il bagagliaio per altri scopi. In sintesi, quindi, è un buon subwoofer, che si inserisce in una fascia di prezzo medio-bassa, ma nonostante ciò è un buon prodotto, anche se rimane ideale per grandi auto.

Vantaggi:

  • Nitidezza e profondità del suono
  • Efficienza
  • Rapporto qualità/prezzo
  • Potenza

Svantaggi:

  • Mancanza di accessori
  • Dimensioni molto grandi
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui