Informazioni generali

Ancora prima dell’avvento dei cellulari, comunicare gratis a distanza era già ben lontano dall’essere un’utopia. Ciò era ed è possibile grazie alle ricetrasmittenti, dei gioiellini di pura tecnologia che sono sopravvissuti a tantissime mode nel corso dei decenni e nel 2018 sono ancora sulla cresta dell’onda.

I più nostalgici sicuramente li ricorderanno come Walkie Talkie. Essi sono in grado di comunicare fra loro sfruttando le onde radio. Il loro utilizzo a distanza è ovviamente più limitato di quello di un telefono cellulare, ma non per questo la qualità del suono ne risente. In tanti li avranno usati e amati da bambini, quando essi rappresentavano l’unico modo per comunicare con i propri compagni di gioco, che magari abitavano a soli pochi isolati da casa propria. Decisamente, essi sono stati i primi precursori dei moderni cellulari, e hanno introdotto una rivoluzione tecnologica che ha cambiato il mondo delle comunicazioni a distanza.

La portata minima di un ricetrasmettitore va da un centinaio di metri ad un massimo di 50 km. Ciò significa che sono perfette per un uso privato, ma anche in ambito professionistico. In alcuni settori, quali tra i soccorritori o le autorità, essi rappresentano ancora uno strumento indispensabile, perché rendono la comunicazione molto più facile e tempestiva. In passato, questi prodotti erano particolarmente utilizzati dai soldati, che potevano comunicare tra loro in maniera tempestiva e sicura, senza alcun rischio di essere intercettati.

Ormai, però, l’uso delle ricetrasmittenti è prettamente domestico. Molti genitori le scelgono per comunicare con i loro figli quando essi sono fuori a giocare, magari in un parco non molto lontano da casa. È un’ottima soluzione, soprattutto se non si è ancora pronti ad affidare un telefono cellulare vero e proprio ad un bambino. In alternativa, possono essere utilizzati come monitor per i neonati, in quanto permettono di sentire in tempo reale se il piccolo è eventualmente sveglio, magari mentre i genitori riposano in una stanza poco lontano.

Insomma, i walkie talkie sono lo strumento perfetto per chi necessita di un metodo di comunicazione veloce, immediato e gratuito. Se sei curioso di scoprire tutto riguardo questo mondo, così da poter acquistare il modello più adatto a te, sicuramente la nostra guida ti darà tutte le risposte che stai cercando!

Guida alle frequenze radio

In Italia, le comunicazioni via radio sono regolamentate dal Codice delle Comunicazioni. Esso prevede alcune limitazioni all’uso delle frequenze radio destinate alla comunicazione tra civili, in modo da non intralciare le comunicazioni e le frequenze utilizzate dalle forze dell’ordine e dai militari. Non è facile studiare e ricordare tutte le regolazioni vigenti in territorio italiano e quelle che invece si rifanno alla regolamentazione europea, ma tutto ciò che ti occorre sapere è sintetizzato in questa guida.

Tra tutti quelle in vendita attualmente, le ricetrasmittenti più comuni operano su delle frequenze che risultano esenti dalla tassa annuale e non necessitano che l’utente conseguisca il patentino da radio amantore. Si tratta di frequenze che operano nel campo delle 433 – 435 MHz, e ci sono in tutto 69 canali disponibili su cui trasmettere. Per un utilizzo domestico medio, queste caratteristiche potrebbero già essere abbastanza e incontrare le esigenze di molti consumatori.

Ovviamente queste onde hanno una portata più limitata che difficilmente riesce a superare i 2 km in spazi aperti, ma al tempo stesso queste limitazioni non dovrebbero risultare problematiche per un uso domestico normale. Se le tue esigenze d’uso sono comunque diverse, potresti mirare a dei modelli più sofisticati e costosi che operano sulla frequenza radio 466 MHz limitata alle ricetrasmittenti più potenti, che ha una maggiore potenza in uscita e permette di coprire distanze maggiori. Potrebbe però essere necessario conseguire l’apposito patentino, come regolato dalla relativa legislazione.

Per poter usufruire di frequenze dalla portata maggiore, cosiddette frequenze pmr466, dovrai procedere al pagamento di un canone annuo da pagare all’ispettorato territoriale del Ministero delle Comunicazioni. Si tratta comunque di un costo davvero esiguo, che si aggira intorno ai 12 euro. Una volta pagato il canone, potrai utilizzare anche più ricetrasmittenti contemporaneamente senza dover pagare alcun sovrapprezzo. Inoltre trattandosi di frequenze europee, potrai trasmettere in tutta Europa utilizzando il tuo apparecchio. A meno che tu non abbia davvero grandi necessità di trasmissione, in ogni caso, questa opzione è altamente sconsigliata, perché si rivelerebbe una spesa inutile.

Come scegliere la ricetrasmittente più adatta a te

Se sei interessato al mondo delle ricetrasmittenti, sicuramente nel confronto dei prezzi avrai notato diverse variazioni. Esse sono dovute a diversi fattori, soprattutto alla durata della batteria e alla presenza di eventuali funzioni speciali. Analizziamo tutti i dettagli a riguardo!

Generalmente le batterie di questi prodotti hanno una buona resa, poiché l’entità del consumo è davvero ridotta. Inoltre puoi sempre contare sia su batterie sostituibili che ricaricabili, e questa scelta aumenta sensibilmente la vita medio del tuo nuovo dispositivo. Questo è decisamente un aspetto positivo che rende i walkie talkie molto più pratici e funzionali dei normali smartphone o telefoni cellulari.

Le funzioni principali sono comunque abbastanza da assicurare un ottimo utilizzo domestico, e difficilmente avrai bisogno di eventuali altre funzioni. Tra di esse vi è ad esempio il pulsante VOX, che consente l’attivazione del vivavoce, rendendo possibile continuare a comunicare anche senza tenere premuto il pulsante apposito. In passato, infatti, era necessario tenere premuto il pulsante PTT affinché la comunicazione non si interrompesse. Una soluzione sicuramente molto vintage e nostalgica, ma all’effettivo molto scomoda. Con il pulsante VOX, invece, sarà molto più facile ed immediato avviare la comunicazione e decidere l’intensità del suono della stessa.

Molto interessante anche la funzione SQL, che ti consentirà di isolare i disturbi ed i rumori della frequenza, che potrebbero intaccare la qualità della comunicazione in corso.

Un altro parametro che devi sicuramente tenere in considerazione è l’eventuale possibilità di poter avviare più conversazioni multiple in contemporanea. Per un uso domestico, otto canali sono già abbastanza, ma ci sono ricetrasmittenti professionali che offrono l’accesso anche a più di 200 canali. Insomma, a meno che tu non abbia voglia di comunicare con tutti i tuoi amici contemporaneamente, difficilmente avrai bisogno di più di un paio di canali alla volta!

Non dimenticare di considerare anche la portata massima della tua nuova radio ricetrasmittente. Essa rappresenterà la distanza massima entro la quale riuscirai a sentire chiaramente la voce della persona con cui intendi avviare una comunicazione. Questo parametro, in ogni caso, è influenzato da diversi fattori. Ad esempio, in un campo aperto e privo di alberi o altri ostacoli la comunicazione sarà decisamente più a lungo raggio rispetto che in una città piena di antenne e grattacieli.

Se sei un amante della comodità sicuramente apprezzerai i modelli che offrono la possibilità di comunicare utilizzando un paio di auricolari. Certo, utilizzare l’apparecchio mentre lo si tiene in mano ha un aspetto molto vintage, ma ci sono situazioni in cui si ha la necessità di avere le mani libere. In generale, comunque, sono davvero rari i modelli recenti che non dispongano di questa possibilità.

E a proposito di mani libere, sicuramente potresti tenere in considerazione un modello dotato di connettività Bluetooth! in questo modo, potrai ad esempio collegarlo all’impianto audio della tua auto per comunicare anche mentre sei alla guida… ovviamente sempre distanze permettendo! Sarà proprio come avere un secondo telefono cellulare, ma molto più pratico e veloce da usare, e soprattutto che ti permetterà di godere di infinite ore di comunicazioni gratuitamente e senza limiti di credito.

Come già accennato, la vita media della batteria di un walkie talkie è molto lunga. Per ottenere dei risultati più vicini alle tue esigenze, potresti anche decidere tu in prima persona quale tipo di batteria preferire. Acquistare una ricetrasmittente che funzione con pile classiche, significa dover avere sempre a portata di mano un ricambio per quando si saranno scaricate. A quel punto potrai decidere se acquistarne di ricaricabili o sostituibili. Se invece deciderai di puntare ad una batteria al litio, otterrai una durata maggiore, e la possibilità di ricaricare la batteria stessa con più libertà. Ovviamente anche questa scelta avrà un certo peso sul costo finale del prodotto. Se non sei sicuro su quale delle due alternative sia più vicina alle tue necessità, il miglior consiglio è sempre quello di consultare forum online dedicati, guardare tutorial online, ma anche chiedere consigli agli esperti del settore presenti nei negozi specializzati.

Sicuramente le ricetrasmittenti tra le offerte sul mercato sono davvero tante, tutte diverse e adatte a tutti i consumatori. Dalle più economiche alle più sofisticate, è davvero difficile non trovare qualcosa che faccia al caso tuo, soprattutto alla luce della semplicità d’utilizzo di questi prodotti. Il loro prezzo è sempre molto contenuto, soprattutto in relazione alla durata della vita media di questi utilissimi gadget tecnologici.

Tutto ciò che dovrai fare, è far tesoro dei consigli contenuti in questa guida e partire alla ricerca del prodotto più adatto a te. Ovviamente in caso di dubbi troverai sempre tantissimi tutorial online e anche professionisti del settore pronti a consigliarti e ad indicarti quale modello sarà il migliore per te.

Cosa aspetti? Ormai il mondo delle ricetrasmittenti non ha più segreti per te!

 

1. Midland G9 PMR446 / LPD Recensione

Da quasi 50 anni, gli esperti Midland portano innovazione e tecnologia nel campo dell’innovazione sul mercato italiano e non solo. La sua storia ha inizio proprio in Italia, in Emilia Romagna, dove tutt’ora risiede il centro operativo del brand. Esso è presto diventato uno dei gruppi leader del settore a livello internazionale, e ad oggi può vantare diverse sedi in ben 13 Paesi nel mondo, compresi Giappone e Venezuela.

ricetrasmittenti

Tutta la qualità e la cura per i dettagli che hanno reso così importante questo brand italiano, sono riassunti in questa ricetrasmittente. Si tratta di una radio ricetrasmittente dual band, con funzione da walkie talkie.

Esso rappresenta il perfetto compromesso per chi sta cercando un prodotto dalle performance semi-professionali, ma vuole comunque poter gestire un consumo energetico ed una spesa economica non troppo alti. Ebbene, Midland ha la soluzione perfetta per te!

Questo walkie talkie è dotato di un doppio PTT, che ti permette di scegliere una potenza maggiore o minore a seconda dei casi, così da ottimizzare il consumo della batteria e soprattutto poter gestire al meglio la qualità delle proprie comunicazioni. In situazioni di spazi con forti disturbi, ad esempio, avrai sicuramente bisogno di una potenza maggiore. In ampi spazi aperti, essa rappresenterebbe solo un inutile dispendio di batteria.

È ovviamente presente la funzione VOX, ormai comune in molte ricetrasmittenti portatili. Essa è regolabile su tre livelli, così da poter essere personalizzata in base ad ambienti più o meno rumorosi. Non manca un’utilissima funzione Talkback, che ti permette di rispondere alle comunicazioni in corso ad intervalli regolari.

Il walkie talkie è alimentato a batterie da 800 mAh, con possibilità di utilizzarne anche in versione ricaricabile.

Nel complesso, rappresenta sicuramente il top di gamma per tutti gli hobbisti. Che tu abbia bisogno di una ricetrasmittente da utilizzare durante le uscite di trekking o per chiamate di emergenze su canali specifici, questo modello Mainland sarà sempre il tuo compagno più valido e affiatato, in ogni situazione!

Vantaggi:

  • Dual band
  • 24 canali a disposizione
  • Dual watch

Svantaggi:

  • Potenza del segnale poco performante

 

2. eSynic zESY66-ITU Recensione

eSynic è una realtà tecnologica molto giovane, ma che sta già competendo a testa alta con altri brand molto più famosi e gettonati. I suoi prodotti spiccano per le ottime materie prima di cui sono composti, ma anche per il prezzo finale davvero ottimo.

radio ricetrasmittenti

E anche le ricetrasmittenti eSynic godono di prezzi bassissimi, come dimostrato dal modello protagonista della nostra recensione! Vediamo insieme quali sono i suoi punti di forza, siamo sicuri che non potrai non innamorartene fin dal primo utilizzo, complice la sua semplicità d’utilizzo.

Si configura sicuramente come un prodotto di fascia alta, quasi semi-professionale, nonostante il prezzo contenuto.

Il raggio d’azione garantito è di 5 km. Questa resa si dimostra ottima anche in situazioni più ardue e con più impedimenti lungo il tragitto. La frequenza sfruttata, infatti, è UHF da 400 a 470 Mhz, che gode ben 16 canali di trasmissione. Essa richiede comunque una licenza d’uso, come indicato anche sul manuale di istruzioni del prodotto.

Il dispositivo è ovviamente dotato di comoda funzione VOX, che ti permette di parlare a lungo con chi preferisci senza dover tenere premuto il tasto di avvio della comunicazione. Una bella comodità, soprattutto se pensi già di utilizzarlo per lunghe chiacchierate, o se comunque preferisci un utilizzo molto pratico e agevole.

È alimentato da una batteria agli ioni ricaricabile da 1500 mAh e dispone di una torcia integrata, utile per segnalare la propria presenza anche al buio.

In generale, l’acquisto di questo dispositivo è particolarmente consigliato per gli utenti poco esperti di questo mondo, che cercano un walkie talkie facile da usare e molto versatile. Si rivelerà quindi perfetto per comunicare con i tuoi amici durante passeggiate in campagna o gite in montagna. Potrai anche sfruttarlo come mezzo di comunicazione durante le partite di paintball, o più in generale dei tuoi sport all’aperto preferiti!

Vantaggi:

  • Ottimo rapporto qualità-prezzo
  • 16 canali supportati
  • Presente la funzione VOX

Svantaggi:

  • Portata massima non elevata

 

3. Motorola TLKR T60 Recensione

Motorola rappresenta sicuramente una delle pietre miliari del panorama tecnologico internazionale, e necessita di ben poche presentazioni. In circa 80 anni di presenza sul mercato, il brand è riuscito a mantenersi sempre sulla cresta dell’onda, proponendo soluzioni tecnologiche innovative e sbalorditive che hanno presto affascinato anche i consumatori più scettici.

ricetrasmittenti professionali

Non stupisce quindi che ci sia anche Motorola nell’olimpo delle ricetrasmittenti più vendute di quest’anno.

Il dispositivo si presenta con un design molto minimal, su cui spiccano il monitor, l’apposita sezione per il caricabatteria e i tasti multifunzionali. A differenza degli altri modelli della stessa gamma, il tasto per regolare il volume è posizionato in alto a destra, subito sotto il display. In questo modo, è più facile accedervi anche durante le comunicazioni.

Sul lato sinistro è invece presente il tasto PTT, Push to Talk, che ti permetterà di accettare le comunicazioni in entrata. È perciò assente la funzione vivavoce, o VOX. Accanto al suddetto tasto è presente il jack a cui collegare direttamente il caricabatterie. Più in alto, è presente quello per gli auricolari.

Sul lato destro del dispositivo non sono invece presenti pulsanti, ma solo l’impugnatura ergonomica in gomma, che ricorda molto i modelli più professionali. Avrai quindi tutta la comodità di un dispositivo di fascia alta, ma contenuta in un prezzo accessibile a tutte le tasche e che sicuramente rappresenterà un ghiotto affare per i più appassionati.

La portata massima dichiarata è di 8km, ma è ovviamente soggetta a diversi parametri naturali e non solo che non dipendono dal dispositivo in sé.

Risulta comunque un ottimo strumento per uso hobbistico o domestico. In particolare drà sicuramente il meglio di sé negli sport, se utilizzato per segnalare la propria presenza o situazioni di eventuale pericolo ai propri compagni.

Corri a provarlo, non potrai sicuramente più farne a meno in nessuna occasione!

Vantaggi:

  • Jack per auricolari integrato
  • Ottima portata massima
  • Facile da usare

Svantaggi:

  • Materie prime poco robuste
  • Assente la funzione VOX

 

4. Motorola TLKR T40 Recensione

Se per te la portabilità è una caratteristica su cui non puoi proprio transigere, Motorola ha pensato alla soluzione perfetta che sposerà sicuramente le tue esigenze.

ricetrasmettitore

Le sue dimensioni così piccole e ridotte non devono però trarti in inganno: si tratta di un dispositivo molto utile, la cui taglia è sicuramente il suo aspetto più importante. Il suo colore rosso acceso, infatti, lo rende molto simile ad un giocattolo. Ciò significa che potrai lasciarlo usare ai tuoi bambini per giocare in giardino o con i loro amichetti, ma anche per risultare sempre raggiungibili da te e da altri adulti in posti molto dispersivi quali i supermercati. Insomma, tanto piccolo quanto utile e versatile!

La durata dichiarata della batteria è di circa 16 ore. Si tratta di batterie stilo comunissime, che possono essere anche scelte fra quelle ricaricabili. I canali a disposizione, nonostante le dimensioni ridotte, sono comunque 8, così come i suoi fratelli maggiori della stessa gamma Motorola.

La scansione dei canali è automatica. Potrai inoltre gestire il volume in qualsiasi momento grazie ai comodi tasti laterali.

Sul lato sinistro del dispositivo è invece presente il tasto PTT (Push to Talk), che ti permetterà di accettare agevolmente le comunicazioni in arrivo. Ciò significa che non è presente la modalità vivavoce, ma la facilità d’uso e la posizione strategica del PTT non renderanno questa assenza troppo tragica da gestire.

La portata massima dichiarata è di 4 km, che risultano ottimi per un utilizzo domestico e, appunto, in presenza di bambini.

Nella confezione sono inclusi una clip da cintura e un gancio per il trasporto, che ti permetteranno di non perdere mai il dispositivo o, alternativamente, di assicurarlo agli abiti dei più piccoli.

Insomma nel campo delle ricetrasmittenti economiche questo modello Motorola sbaraglia senza dubbio la concorrenza, configurandosi come uno dei prodotti migliori dell’anno!

Vantaggi:

  • Piccolo ma potente
  • 8 canali a disposizione
  • Clip per il trasporto in dotazione

Svantaggi:

  • Meno funzioni a disposizione
  • Un solo tono di chiamata

 

5. Motorola T80 Recensione

La prima cosa che salta all’occhio di questa ricetrasmittente Motorola è sicuramente l’alta qualità delle materie prime utilizzate. È infatti rivestito in plastica molto robusta, e in gomma. Quest’ultima è presente lateralmente, sul lato posteriore e sulle antenne, in modo da rendere il prodotto più ergonomico. Insomma, la qualità Motorola è sicuramente elevatissima anche in questo modello!

radio ricetrasmittenti potenti

In totale questo dispositivo supporta fino a otto canali diversi di comunicazione, con un range massimo di circa 10 km.

La ricetrasmittente è dotata di batteria al litio, che dona energia anche allo schermo a LED con luce integrato, che risulta un’ottima funzione aggiuntiva. Oltre al display retroilluminato, è presente un connettore per le cuffie. Il display è comunque la parte principale, in quanto riporta tutte le funzioni principali e le informazioni essenziali, fra cui lo stato della batteria. Grazie alla sua retroilluminazione, esso si rivelerà particolarmente utile anche nelle ore più buie e nelle condizioni luminose più disparate.

Molto utile anche la funzione VOX, che ti permette fra le altre cose ti passare automaticamente dalla funzione “talking” alla modalità “listening” nel momento in cui inizierai a parlare. In questo modo la comunicazione risulterà sicuramente più immediata e semplice da gestire.

Tutti i pulsanti sono comodamente posizionati al di sotto del display, compreso quello che ti permetterà di attivare il cosiddetto silent mode, o la funzione di chiamata di gruppo.

È ovviamente possibile regolare il volume degli altoparlanti, così da risparmiare quando necessario il livello della batteria, con la semplice pressione di un tasto disposto lateralmente. L’autonomia totale dichiarata per la batteria è di 16 ore. La batteria è quindi ricaricabile, ma potrai anche sostituirla con 4 pile normali.

Un vero gioiellino tecnologico, insomma, che racchiude tutta la qualità Motorola ma ad un prezzo molto conveniente. Non potrai non innamorartene fin dal primo utilizzo!

Vantaggi:

  • Robusto e resistente
  • Fino a otto canali di comunicazione

Svantaggi:

  • Autonomia della batteria non eccellente