La radiosveglia, o radio sveglia, è un congegno che unisce le modalità di una sveglia con le funzioni di una radio; anche se usualmente l’alimentazione passa attraverso la corrente elettrica, è dotata, in genere, anche di una batteria che consente di non perdere l’ora già memorizzata: in caso di interruzione di energia elettrica, dunque, la funzione di orologio sveglia viene conservata. Inoltre, se al posto della batteria viene utilizzato un condensatore (dispositivo che permette di conservare la carica all’infinito), non è neanche necessario cambiare la batteria.

È necessario porre attenzione sul tipo di batteria che prevede la radiosveglia, dato che a volte la pila non è inclusa nell’articolo. Per fare questo basta consultare il libretto di istruzioni dove sarà inserito anche il dato della potenza, espresso in Watts.

Le pile, oltre che avere potenze differenti, hanno anche forme diverse: per evitare di comprare pile che non entreranno nello scompartimento predisposto, è consigliabile accertarsi anche della tipologia, in quanto ne esistono di formato piatto e circolare, cilindriche o quadrate; dalla forma dipende anche il tipo di voltaggio.

Le radiosveglie digitali si servono, per funzionare, del quarzo, un minerale molto diffuso e utilizzato a fini tecnologici, soprattutto in ambito digitale, dove viene sfruttata la sua capacità di polarizzare due facce di un cristallo.

La radio sveglia può essere impostata in modo tale da suonare senza riprodurre un mero suono acustico, selezionando per il momento dell’allarme sveglia il proprio programma radio preferito. Si può, inoltre, ascoltare le stazioni radio in totale libertà; è questa la principale differenza da un orologio sveglia, nel quale la funzione radio, in quanto sveglia classica, è assente. Oggigiorno esiste una vasta offerta di sveglie, che varia dalla tipologia alla funzione: è difficile giudicare quale sia la tipologia di radiosveglia migliore, ce ne sono di tutti i tipi. La sveglia analogica, anche se sempre più rimpiazzata dalla sveglia digitale, è molto ricercata dagli amanti del vintage, ed ha ancora molto successo tra gli appassionati di orologi. Certo, oggi come oggi c’è solo l’imbarazzo della scelta, e forse non basta avere le idee chiare. Siamo ben lontani dall’epoca in cui l’orologio veniva azionato unicamente in modo meccanico, senza l’utilizzo di batterie, non esistendo ancora la funzione automatica, con un meccanismo attivato dalla sola molla di carica, da dover avvolgere di giorno in giorno. Gli orologi sveglia meccanici sono molto apprezzati dai collezionisti, anche se a volte sono molto più ingombranti di una pratica sveglia digitale da comodino la quale, spesso, oltre a essere molto più leggera e maneggevole, non ha niente da invidiare nella cura del design. In ogni modo, la radiosveglia migliore sarà quella che andrà incontro alle nostre necessità. Ovviamente non esiste la migliore sveglia, ma solo la sveglia adatta ai propri bisogni. Soprattutto bisogna fare attenzione alle facili offerte, dato che spesso le sveglie economiche nascondono brutte soprese. Quindi occhio alla vendita sveglie.

Come funziona una radiosveglia digitale?

La differenza principale tra una radiosveglia analogica e una digitale viene generalmente associata alla modalità con cui vengono visualizzati I numeri, perché una sveglia digitale può anche non essere una sveglia elettronica: può essere, ad esempio, meccanica. Mentre la sveglia analogica presenta un movimento continuativo dei suoi componenti, vale a dire le lancette (osservandolo, infatti, si assiste a un moto perpetuo), la sveglia digitale rimane immobile nel periodo temporale stabilito al momento della sua programmazione; se è impostata per evidenziare ore e minuti, ad esempio, una volta scattato il minuto, presenterà lo stesso orario fino allo scoccare del successivo, sessanta secondi dopo. Chiaramente, se il tempo di riferimento a cui siamo interessati e che dobbiamo prendere come campione fosse, tanto per dire, trenta secondi, saremmo impossibilitati a misurarli col digitale e si renderebbe necessario un utilizzo del sistema analogico.

Non tutte le radiosveglie necessitano di regolazione dell’orario manuale: esiste, infatti, la tipologia di sveglia radiocontrollata, la quale è caratterizzata dal ricevere un radio segnale in grado di sincronizzarne l’orario con l’ora esatta, un po’ come avviene per i pc e i moderni smartphone. Funzione assai utile, soprattutto in quei due fatali giorni ogni anno in cui l’ora aumenta o diminuisce, ora legale e ora solare, e atta a dirimere annose questioni e simpatiche situazioni in cui vigeva l’incertezza sul posizionare le lancette avanti o indietro di un’ora, creando spesso confusione. A parte ciò, con tale indirizzamento radio si ha l’assoluta certezza di poter contare sempre sull’ora esatta. Fra le varie tipologie di radiosveglia, ricordiamo la sveglia con proiettore, strumento dotato di fascio di luce diretto verso l’alto in modo tale da riflettere sul soffitto le cifre digitali dell’apparecchio e poter fornire all’utente, in piena notte, un immediato colpo d’occhio dell’ora e dei minuti in corso senza ricorrere a faticosi e goffi movimenti nel buio della propria stanza. Se vogliamo, può essere considerata una funzione, in senso lato, ‘romantica’, creando nell’ambiente una luce soffusa e in grado di accarezzare la fantasia di chi la utilizza, sostituendosi a un cielo stellato.

Non possiamo esimerci dal citare una tipologia di sveglia assai diversa concettualmente dalle altre: la sveglia luminosa. Questa si basa su un principio più che naturale e probabilmente per questo risulta essere la meno invasiva fra le varie sveglie, invitandoci al risveglio nel modo più indolore possibile: all’ora prestabilita, l’apparecchio emette una luminescenza, volta a simulare l’alba, che via via aumenta fino a destare l’utente, probabilmente per secoli e secoli questo è stato il risveglio dei nostri progenitori, fino all’incontro col simpatico gallo, paragonabile alla sveglia a martelletto così come la suddetta luminosa è comparabile al ciclo del sole e della luna.

Future tendenze della radiosveglia

Nel tempo la radiosveglia si è evoluta così come ogni prodotto di tecnologia, non solo mutando aspetto, ma sposando ulteriori accessori e con loro intersecandosi. Ne sia esempio la radiosveglia con porta USB o con funzione bluetooth. Per quanto riguarda la forma e l’aspetto dell’oggetto, è interessante notare come, al pari di ogni elettrodomestico o accessorio presente in ogni casa, si sia tentato, con il trascorrere degli anni, di renderlo più accattivante ed elegante possibile, in controtendenza con un recente passato in cui ogni oggetto acquistato, per rivestire una certa funzione, era meno soggetto di altri a restyling di tipo estetico: i primi televisori dovevano semplicemente proiettare immagini. Di conseguenza, si è provveduto a rendere la radiosveglia un oggetto di arredamento, di design, aumentandone o abbassandone la sveglia prezzo non più valutando la funzione per la quale è nato, ma l’immagine e la foggia. Una delle tendenze suddette si compiace di presentarla rivisitata in salsa vintage creando un connubio fra la stessa e la sua vecchia antenata, la semplice radio, ottenendo un ibrido di sicuro effetto rappresentato dalla cara buona vecchia rassicurante radio di una volta con in aggiunta un display su cui campeggiano le cifre dell’apparecchio digitale. Una sorta di Minotauro della radiofonia. Un’ulteriore funzione, di sicura utilità, che recentemente le radiosveglie si pregiano di offrire all’acquirente, è la possibilità di preimpostare più orari in modo tale da poter far fronte a più di una scadenza gravante sul proprietario, in diversi momenti della giornata, o, più semplicemente, in modo da poter far sì che il servizio sveglia si rivolga magari a due persone diverse con orari di risveglio differenti. Oltre alla differenza di orario, appare un ulteriore simpatico vezzo la possibilità di impostare diverse soluzioni di sveglia (armonie diverse, musiche diverse, collegamenti a stazioni radio diverse) a seconda dei gusti e delle predilezioni della persona destinata a subirne gli effetti.

Valutando ipotesi future, si deve, ovviamente, basarsi sul presente: quanto si rileva appare in totale concordanza con ciò che accade, ad esempio, nel rutilante mondo degli smartphone, laddove si ha l’impressione di vivere tuttora una fase di espansione, oltre che di vendite, di millimetri, con un’offerta infinita di funzioni e app, senza che questo gravi minimamente sulla capacità di comprensione dell’utente. Allo stesso modo si va privilegiando per la radio sveglia un apparecchio in grado di fornire una gamma più vasta di prestazioni, ma di immediata accessibilità e capacità d’uso conseguente. Troviamo così radio sveglie digitali che alle due funzioni classiche (orario più sveglia) abbinano ulteriori offerte di informazioni, in grado di svariare dall’enunciazione della temperatura, alla data del giorno in corso, a eventuali fusi orari preimpostati. Fanno storia a sé, costituendo una categoria utilissima per un’esigua minoranza di persone, le radiosveglie parlanti, di solito in grado di enunciare l’orario a cadenze prestabilite (di solito ogni ora), oltre che ogni volta si prema un certo tasto in grado di abilitarne l’uso. Tale funzione ha fatto di questo prodotto un must assoluto per i non vedenti o ipovedenti.

Principali caratteristiche delle radiosveglie digitali

Le radio sveglie digitali svolgono la funzione di segnare l’ora su un display e offrono la possibilità di sintonizzare l’apparecchio sui programmi radiofonici preferiti. Caratteristiche principali delle radio sveglie appaiono essere legate indissolubilmente alla duplice funzione che, di base, ci attendiamo dal prodotto: il funzionare come una radio e come una sveglia. Le due funzioni si intersecano laddove utilizziamo il nostro apparecchio come sveglia utilizzante una stazione radio al momento dello scoccare dell’ora predefinita. Ciò non toglie che nessuno ci impedisca di approfittare della funzione ‘radio’ senza che entri in ballo la sveglia. Qualora volessimo utilizzarla globalmente come radio sveglia, la possibilità è di preimpostare una stazione radio a piacimento, in modo tale che all’orario previsto l’apparecchio si accenda su quella stazione, garantendo un risveglio modulato sulla programmazione che in quel momento risulta essere in onda. Altra opzione consiste nello scollegare le due tipologie di funzione, e utilizzare l’apparecchio come sveglia, scollegandolo, questa volta, dalla radio. Per fare ciò è sufficiente impostare il servizio di sveglia in modo tale che all’orario prestabilito non sia la radio a collegarsi, bensì suonerie da noi impostate tra una gamma predefinita, più o meno ampia, a seconda tipologia di radio sveglia in nostro possesso. Non è obbligatorio fissare un unico orario di sveglia, giacché modelli più nuovi e perfezionati consentono di impostarli più d’uno, a seconda delle esigenze dell’utente o degli utenti: si pensi a una coppia obbligata da esigenze lavorative ad alzarsi dal letto a orari discordanti (in tal caso e sufficiente preordinare I due orari e la nostra sveglia si farà viva nei due momenti predefiniti, magari con melodie differenti).

A differenza di prezzo corrispondono prestazioni superiori o inferiori, ma non è detto che quello sia il discrimine fra un costo e un altro. Infatti, come ogni elettrodomestico nelle abitazioni, il valore commerciale risulta collegato anche all’estetica, tanto che si possono creare dei divari notevoli del prezzo d’acquisto di due apparecchi, magari in grado di offrire prestazioni più o meno simili, ma divisi tra loro da un divario dettato magari dalla forma, dall’eleganza, o perché no, dal marchio. È infatti perfettamente ipotizzabile che, così come accade per i beni di consumo nel campo dell’abbigliamento, un marchio più glamour rappresenti una categoria in grado di far lievitare il prezzo, puntando sul prestigio, tanto da rendere l’oggetto assai più appetibile per l’acquirente.

Per quanto riguarda l’estetica, appena accennata, non è da trascurare non solo l’aspetto dell’oggetto inscatolato e imballato, ma la sua ‘presenza scenica’ una volta collegato e illuminato. Non è da escludere che una presentazione delle cifre luminose esposta in un modo anziché in un altro risulti assai più gradevole per l’occhio umano, tale da renderne una migliore dell’altra a colpo d’occhio.

Dimensioni medie di una radio sveglia digitale

Come per tutti gli elettrodomestici, anche la scelta di una radio sveglia deve considerarne le dimensioni: si suppone che tale prodotto ci accompagnerà a ogni nostro risveglio, dunque è bene privilegiare una dimensione consona al mobile d’appoggio sul quale verrà posizionata. Inutile dire che esistono radio sveglie dalle più svariate dimensioni, partendo da quelle più classiche, che usualmente prendono più spazio anche in virtù delle loro componenti meccaniche, alle mini radio sveglie, che, oggigiorno, seppur di dimensioni assai ridotte, hanno in dotazione le funzioni più all’avanguardia che possiamo immaginare. Difficile dunque poterne indicare la dimensione media ma, considerato che, in genere, verrà posta sul comodino, generalmente le misure saranno 120x60x80 mm (LxPxA), ma è difficile trovarne due delle stesse dimensioni, perché, grazie soprattutto alla tecnologia, i parametri possono variare a seconda del design, e quindi troveremo delle offerte radio sveglia tra le più disparate, magari molto più alte che profonde, con una larghezza considerevolmente maggiore rispetto all’altezza, e così via. Si potrebbe quasi dire che non esistono le dimensioni medie per una radio sveglia, quanto piuttosto una dimensione ideale adatta ai nostri bisogni: il comodino è stretto? Allora avremo bisogno di una radio sveglia di larghezza contenuta, magari però sviluppata in altezza. Non abbiamo problemi di spazio? Allora potremmo scegliere tra le radio sveglie più moderne dotate di un display ampio che consente la visione dei numeri digitali nel modo più comodo possibile. C’è davvero l’imbarazzo della scelta! Basta decidere quale sia la migliore sveglia per i nostri bisogni.

Vantaggi e svantaggi delle radiosveglie digitali

Le sveglie digitali, oltre ai vantaggi sopra menzionati, riassumibili in una maggior delicatezza nello svegliare l’utente, una gamma di possibilità ben più estesa, vuoi per quanto riguardi le suonerie messe, vuoi per quanto riguardi le tipologie delle cifre stampate sullo schermo, presentano, ovviamente, degli aspetti negativi difficilmente propri degli apparecchi analogici; in primis, l’alimentazione. In caso di alimentazione a batteria, la prima necessità consiste nell’essere a disposizione di pile compatibili e in numero tale da garantirne il funzionamento. Si potrebbe obiettare che in caso di mancanza di batterie, quasi tutti i modelli e le tipologie in commercio offrono la possibilità di alimentare l’oggetto collegandolo alla corrente di casa: giusta obiezione, ma in tal caso si potrebbe sollevare un’ulteriore critica: che fare in caso di stacco di corrente o black out? Ecco che in tal caso la vecchia sveglia analogica può prendere il sopravvento, risultando in grado di funzionare senza alimentazione interna o esterna, per quanto un fine sofista potrebbe obiettare che se non c’è luce neanche si possono vedere le lancette dell’analogico.

Ho veramente bisogno di una sveglia digitale?

La risposta ovviamente, non può che variare da persona a persona. Tralasciamo le fortunate categorie che non abbisognano di alcun tipo di sveglia forzata, vuoi in quanto dotati di un innato senso radar in grado di destarli al momento giusto, vuoi perché assolutamente privi di scadenze impellenti e, di conseguenza, padroni del proprio tempo in tutto e per tutto. Per tutto il resto del mondo, vale a dire come minimo il 95%, è necessario possedere un supporto in grado di trascinarci nel giorno. Che tale supporto debba essere digitale piuttosto che analogico può essere motivato da una minor traumaticità dell’avviso ricevuto (la sveglia a martelletto porta senza dubbio con sé un grado di fastidiosità maggiore), risolvendosi sovente in melodie più o meno dolci, suonerie più o meno armoniose, collegamento a stazioni radio, proiezioni di luci, ed altri non secondari vantaggi. Tutto ciò fa sì che abitualmente si preferisca un risveglio a base di digitale rispetto all’apparecchio analogico, anche se, come anticipato, una variabilità di scelta è sempre possibile.

Come scegliere una radiosveglia digitale

L’acquisto di una radiosveglia digitale, così come ogni altro esborso all’interno della nostra giornata, per quanto possa sembrare piccola cosa, deve obbedire a determinati criteri ben precisi, alla luce del fatto che l’oggetto acquistato, oltre a servirci con perfetta funzionalità, farà parte della nostra vita per parecchio tempo. Primo aspetto: la tipologia di radio sveglia che richiediamo come compagna delle nostre mattine. La scelta può essere facilmente influenzata innanzitutto dall’invasività dell’oggetto stesso, e ciò sia dal punto di vista dello spazio occupato, sia dal punto di vista, ad esempio, della luminosità dello schermo. Innanzitutto è consigliabile l’acquisto di uno strumento che consenta la riduzione o aumento della luminescenza delle cifre sullo schermo, in modo tale da poter regolare l’uso a seconda del possibile fastidio creato. Se invece ci indirizziamo verso l’acquisto di un esemplare, oltre alla graduazione dell’emissione di luce, appare utile indirizzarsi verso una radiosveglia che possa adattarsi al nostro stile di vita e non risultare né troppo né poco visibile. Quanto alle dimensioni, vale la stessa regola: adattare l’acquisto al proprio habitat, calcolando che la presenza dell’apparecchio occuperà un settore della camera attiguo al letto. Di conseguenza si consiglia di indirizzarsi verso un modello in grado di occupare gli spazi liberi che siamo certi siano tali. Un ulteriore aspetto riguarda l’effetto cromatico delle cifre in evidenza: le prime radio sveglie, cosi come I primi orologi al quarzo, presentavano unicamente cifre di colore rosso. Col tempo sono stati proposti modelli con cifre di colore blu, verde chiaro, e così via. È evidente che se il progresso della tecnologia obbedisce a un incremento della soddisfazione dell’utente, tale excursus viaggi di pari passo con una maggior gradevolezza della cromaticità delle cifre sullo schermo. Sembrerebbe quindi logico pensare che le cifre in rosso, più datate, possano risultare più ostiche, e quindi in seguito corrette con cromatismi più delicati. Naturalmente non è detto sia così, e ognuno deve operare una scelta a seconda del proprio gusto personale. Infine il prezzo: come appare assurdo acquistare un pc gravido di funzioni, pur nella perfetta ignoranza e con la chiara competenza di poterne utilizzare minima parte, così risulta insensato comprare sveglia in grado di fornire prestazioni di ultimissima generazione, con conseguente elevato costo, laddove siamo certi di utilizzarla per una, due funzioni: radio più sveglia. Ne esistono di tutti i prezzi, un modo utile per informarsi è guardare sull’acquisto sveglia online. Sul web potrete trovare un grande numero di offerte radiosveglia.

Quanto è affidabile una radiosveglia digitale?

L’affidabilità di una radio sveglia digitale risulta maggiore rispetto a quella risultante da prestazioni di altri apparecchi da noi usati quotidianamente. Posto che come affidabilità si intenda il corretto funzionamento, scevro da guasti, manomissioni, agenti esterni, appare chiaro come per le radio sveglie digitale radiocontrollate, il controllo radio che ne guida la scansione del tempo, assicuri un funzionamento a regola d’arte, tanto che un eventuale black out non ne compromette la programmazione, derivante da un segnale esterno. Per quanto riguarda gli apparecchi non beneficiati da controlli esterni, pur pagando qualcosa in termine prestazionale, e quindi concedendo qualche secondo o minuto a seconda dell’asse temporale esaminato, sono comunque infinitamente più corretti e precisi dei loro stessi omologhi basati sull’analogico, soggetti a ritardi di scansione temporali figli di natura meccanica, e quindi proponibili a scadenze molto più vicine e con maggior facilità di bug temporali.

Quanto dura una radiosveglia digitale?

Ci si augura che ogni acquisto da noi compiuto in campo tecnologico risulti avere la maggior durata possibile al fine di evitare un surplus di spesa per il riacquisto. Nel caso di radio sveglie digitali, l’uso stesso che se ne fa implica uno sfruttamento limitato, ciò è connaturato allo stesso modo di funzionamento dell’oggetto: non richiede manomissioni continue (a differenza, ad esempio, di un televisore che richiede continui aggiornamenti, spegnimento e accensione continuativi, cambio di canale frequente), ma semplicemente una programmazione concernente l’orario di attivazione che, in caso di regolarità di abitudini da parte del soggetto utente, non registrerà neanche variazioni: è possibile, di conseguenza, che un’impostazione per un dato orario non necessiti di alterazioni quotidiane, rimanendo tale per tutti I giorni della settimana (ipotizzando che la persona citata si rechi a lavoro ogni giorno allo stesso orario). Se anche dovessimo ipotizzare un orario di sveglia differente dagli altri, ad esempio la domenica, non è detto che sia necessaria un’ulteriore impostazione, dato che come già accennato è possibile impostare due o più orari e far sì che la suoneria obbedisca alla preimpostazione a seconda del giorno eletto. Tutto questo fa sì che l’usura della radio sveglia risulti essere infinitamente inferiore rispetto all’uso, pur assiduo, di altri elettrodomestici presenti nell’abitazione. Inevitabilmente, ciò comporta una più lunga durata senza decadimento di prestazioni. Un altro aspetto che scandisce la durata degli strumenti quotidiani del nostro vivere è strettamente legato alla sopravvivenza delle batterie che lo alimentano. Ebbene, anche in questo caso, appare chiaro come il limitato abuso da parte dell’utente delle prestazioni della radio sveglia prolunga la durata delle batterie di alimentazione le quali saranno spremute unicamente per l’emissione della suoneria e per il mutare di cifra sui cristalli liquidi dell’orologio.

Suggerimenti su come usare una radio sveglia digitale

L’utilizzo di una radiosveglia digitale, apparentemente semplice, può riguardare più campi diversi. L’abbinamento del servizio sveglia con la radio potrebbe aprire il campo a ipotesi ragionevolmente creative. Non è detto che ognuno di noi ami svegliarsi con una programmazione casuale stabilita dal dj in onda in quel momento. Può essere consigliabile, oltre che interessante, informarsi preventivamente sull’offerta radiofonica delle varie stazioni, in modo tale da farsi un’idea di quello che vorremmo fosse la nostra colonna sonora al momento del nostro risveglio al mattino. Come ben si sa esistono stazioni di musica italiana 24h, straniera, notiziari, sport, politica: una scelta effettuata a monte può consentirci l’elezione di un programma che ci rivesta a pieno e che al risveglio possa farci affrontare il momento tradizionalmente più traumatico della giornata nel modo migliore. Stesso discorso qualora non dovessimo affidarci a un programma radiofonico come fonte di sveglia. Potremmo benissimo optare per una sveglia tradizionale, non radiofonica, sconnessa quindi dal palinsesto, costituita da melodie e o suonerie da noi precedentemente scelte: in tal caso varrà lo stesso suggerimento. Quali generi di impulsi siamo disposti ad accettare appena svegli? La soluzione varia da persona a persona, l’importante è porsi la domanda.

 

1. Mpow GEHM127BWEU Revisione

MPOW è un’azienda emergente a livello internazionale; il suo punto di forza è la proposta di prodotti di qualità a prezzi vantaggiosi e soprattutto accessibili per il cliente, senza nulla da invidiare alle grandi aziende, ma con il beneficio di un prezzo inferiore rispetto alle suddette. MPOW si concentra sull’elettronica, proponendo una vasta gamma di accessori per cellulari (pali stick, lenti per la camera degli smartphone) e per auto (portatelefono, adattatori bluetooth, caricabatterie wireless, cuffie wireless). Inoltre, l’azienda offre una varietà di lampade e pannelli solari.

Le sedi di quest’azienda si trovano in California, Londra e Berlino, e i prodotti compaiono su varie piattaforme, inclusa Amazon.

Gli articoli realizzati da MPOW sono semplici e di facile utilizzo, questo grazie anche ai feedback inviati dai clienti, che vengono analizzati per perfezionare il servizio e l’offerta dell’azienda.

Tra gli accessori di sua competenza, l’azienda propone l’Mpow GEHM127BWEU, una radio sveglia digitale di colore bianco dotata di proiettore, porta USB, funzione Snooze. Temporizzatore di sonno, orologio con doppio allarme, e display da 5 pollici. È inoltre possibile sintonizzarvi fino a 15 stazioni.

Molto buone le 10 recensioni dei clienti su Amazon: il 70% ha dato 5 stelle, il 10% ha dato 4 stelle e il 20% 3 stelle, per un totale di 4,5 stelle su 5. I clienti ne hanno apprezzato il rapporto qualità prezzo, la chiarezza del display, la possibilità di poter regolare la luminosità a seconda del bisogno e il design. Tra le critiche, invece, viene considerato il fascio del proiettore al muro, che ha lunghezza massima 2.5, il volume minimo troppo alto, l’alimentatore USB per alcuni giudicato troppo ingombrante. Ottimo per chi vuole usufruire di più funzioni a costo vantaggioso.

Vantaggi:

  • Ottimo rapporto qualità prezzo
  • Display nitido
  • regolazione della luminosità

Svantaggi:

  • Fascio del proiettore troppo corto
  • Volume minimo suoneria troppo alto
  • Alimentatore USB ingombrante

 

2. Sony ICF-C1 Revisione

L’azienda SONY è una multinazionale giapponese fondata nel 1946 a Tokyo, quotata in borsa e impegnata alla realizzazione di prodotti elettronici di consumo. SONY dispone di quattro settori operativi (Sony Corporation, Sony Music, Sony Mobile Communicatios e Sony Pictures Entertainment) tutti orientati sull’elettronica, grazie ai quali viene considerata una delle maggiori produttrici di apparecchi elettronici rivolta sia al mercato dei consumatori sia a quello professionale.

Tra i vari prodotti, compare anche la Sony ICF-C1, una radiosveglia cubica (10,1 x 10,2 x 10,1 cm) con un peso di 520 gr, dotata di sintonizzatore e FM/AM analogico, di colore nero, con unità driver di 6.6 cm, funzioni Sleep e Snooze. L’articolo è molto apprezzato dai clienti Amazon, infatti riscuote un totale di 4.5 stelle su 5, con 375 recensioni da parte dei consumatori: il 57% ha dato 5 stelle, il 27% 4 stelle, 8% 3 stelle, 3% 2 stelle e il 5% 1 stella. Molto apprezzata per la forma, con il suo design dalle linee pulite, è dotata inoltre di 3 tipi di intensità luminosa, una radio con un’emissione molto chiara e la batteria a bottone permette di mantenere l’orario anche in caso di blackout. Le lamentele riguardano la mancanza di precisione dell’orologio, la luminosità eccessiva anche se impostata al livello minimo, la regolazione della sveglia che non permette modifiche di orario giornaliere, l’impossibilità di poter scegliere tra più toni per la sveglia, tasti piccoli. Un altro difetto riscontrato sarebbe un fruscìo di sottofondo udibile nel silenzio della stanza.

Ideale per chi pone attenzione sullo stile senza voler spendere troppo.

Vantaggi:

  • Design
  • Qualità del suono radio
  • Apporto qualità prezzo
  • Batteria a bottone
  • Semplice da impostare

Svantaggi:

  • Accesso di luminosità
  • Mancata precisione dell’orologio
  • Impossibilità di regolare la sveglia a seconda del giorno
  • Tasti piccoli
  • Fruscio di sottofondo

 

3. Philips AJ3400 Revisione

L’azienda Koninklijke Philips N.V., più nota come Philips, fondata nel 1891 da Gerard e Frederik Philips, è una multinazionale che ha la propria sede ad Amsterdam. Dal 2011, la Philips ha iniziato a interessarsi sempre di più alla ricerca e produzione di nuove tecnologie riguardanti l’ambito sanitario, anche se rimane la principale azienda europea per quanto concerne l’elettronica di consumo. Questo marchio si concentra in tre settori: assistenza sanitaria (con la produzione di servizi di diagnostica), elettronica di consumo (telefonia, tv) e illuminotecnica, con la produzione di illuminazione a basso consumo e LED.

Uno degli articoli proposti dall’azienda è la Philips AJ3400, una radio sveglia con grande Display, nera, digital UKW, dotata di Sleep Timer. Recensita da 1.149 clienti Amazon, ha guadagnato un totale di 4.2 stelle su 5: il 57% ha dato 5 stelle, il 27% 4 stelle, 9% 3 stelle, 4% 2 stelle e il 3% 1 stella. Molto apprezzata per il design, di plastica con la finitura lucida, fornisce la possibilità di impostare due sveglie differenti. È possibile impostare fino a dieci programmi radio. Molto apprezzata, inoltre, la possibilità di regolare la luminosità del display e il mantenimento dell’orario che, anche quando la radio sveglia viene spenta, alla riattivazione risulta essere impostata sull’ora esatta. Viene lodato anche il rapporto qualità prezzo, Vengono criticate il volume della sveglia, giudicato troppo alto, e le funzioni, ritenute limitate.

Per quanto riguarda l’aspetto economico, il prezzo di listino la colloca in una posizione media rispetto a esemplari più o meno simili. Ciò risulta motivato da una maggiore o minore gamma di funzioni, la presenza o assenza delle quali influisce sul costo.

Vantaggi:

  • Chiarezza del display
  • Regolatore di luminosità
  • Possibilità di impostare due sveglie differenti

Svantaggi:

  • Alimentazione tramite corrente
  • Pulsanti vicini e uguali
  • Volume sveglia troppo alto

 

4. TZS First Austria FA-2421-7 Revisione

L’azienda ZTS, fondata nel 1980, offre una varietà di prodotti di buona qualità a livello mondiale. Si occupa principalmente di articoli elettronici per la casa, dalle macchinette per il caffè alle TV, e il suo punto di forza sono I prezzi vantaggiosi che possono essere accessibili ai clienti.

Un articolo interessante può risultare la TZS First Austria FA-2421-7, una radio sveglia con proiettore, display LED, 10 locazioni di memoria, funzione Snooze e due sveglie integrate, funzioni apprezzate dai clienti Amazon per un totale di 4.3 stelle su 5. Delle 10 recensioni a disposizione, il 30% ha dato 5 stelle e il 70% 4 stelle. Viene apprezzata la doppia sveglia, la buona ricezione radio, le impostazioni ritenute semplici e la proiezione dell’ora, display con luce regolabile, la possibilità di programmare giornalmente la sveglia. I commenti negativi riguardano invece la ricezione radio e la sua programmazione in quanto I programmi vengono memorizzati automaticamente, senza la possibilità di poter scegliere la posizione preferita. È comunque apprezzabile per la sua semplicità d’utilizzo.

La manutenzione necessaria per preservare il buon funzionamento dell’apparecchio in questione comprende l’adozione di particolari attenzioni. Innanzitutto in caso di alimentazione a batteria, accertarsi che le pile che stiamo usando non risultino scadute; in tal caso il deterioramento della batteria stessa danneggerebbe inevitabilmente l’apparecchio. Qualora, invece, optassimo per un’alimentazione a corrente, il trasformatore utilizzato per collegare la radiosveglia alla corrente deve risultare compatibile con I 5 watt richiesti dal prodotto, evitando surriscaldamenti. Si suggerisce inoltre la conservazione del bene in luogo totalmente asciutto: appare evidente, infatti, che infiltrazioni, anche minime, di acqua possano comprometterne la funzionalità e le prestazioni.

Vantaggi:

  • Semplicità d’utilizzo
  • Doppia sveglia
  • Programmazione giornaliera della sveglia

Svantaggi:

  • Proiettore non regolabile manualmente
  • Ricezione radio scadente
  • Programmazione radio senza possibilità di scelta della posizione in memoria

 

5. Reacher A1C1 Revisione

Reacher A1C1 è una radiosveglia digitale da comodino, realizzata dall’azienda Reacher, con funzione Snooze, doppia Porta USB, per Telefoni Cellulari e Caricabatteria, batteria di backup e alimentazione elettrica, di colore nero, ha una forma compatta con un display luminoso dai numeri color rosso chiaro. Ha ottenuto 4.2 stelle su 5 con un totale di 151 recensioni dei clienti Amazon, delle quali il 57% ha dato 5 stelle, il 27% 4 stelle, il 4% 3 stelle, 5% 2 stelle e 7% 1 stella. È molto apprezzata per il design, del quale si fa notare la gradevolezza al tatto, di natura vellutata. Il suono della sveglia risulta ascendente, e il volume di allarme parte, gradualmente, da un suono lento e morbido per dare la possibilità di passare dal sonno alla veglia in modo naturale. Viene apprezzata per la sua semplicità e per l’utilità delle porte USB con funzione di caricabatteria e carica per cellulari, anche se il cavo USB non è in dotazione. Buono il rapporto qualità prezzo, e la spedizione è gratuita. Il tono della sveglia non è aggressivo e ideale per una sveglia mattutina, e possiede un indicatore LED orario con un’ottima visibilità, anche se non al punto di dare fastidio durante la notte. Tra I difetti viene notato il formato unico per l’indicazione dell’ora, con la modalità AM/PM, è la sola alimentazione a corrente.

 

Questo modello è consigliatissimo per chi non è interessato alla multi funzionalità dell’apparecchio, ma cerca unicamente la funzione standard: il servizio di radio più sveglia. Molti altri servizi, prodotto non li offre ma come detto, un cliente disinteressato al sovrappiù potrebbe trovarlo decisamente appetibile, in virtù oltretutto del prezzo concorrenziale e più bassi di altri modelli.

Vantaggi:

  • Doppia porta USB
  • Batteria di Backup
  • Economicità

Svantaggi:

  • Alimentazione a corrente
  • Unico formato per indicazione dell’ora