Tutte le neo madri sanno che, per poter garantire una produzione di latte materno ideale, è necessario dover adottare un particolare tipo di alimentazione; è per questo che, grazie all’aiuto del proprio medico di fiducia, si sceglie nella stragrande maggioranza dei casi di pianificare insieme una vera e propria dieta da dover seguire nel corso di tutto il periodo dell’allattamento. Questa dieta, ritagliata sulle esigenze uniche della madre e del proprio bambino, prevede un elenco specifico di cibi da dover assumere durante tutta la fase dell’allattamento, i cibi da evitare, quelli da assumere in quantità minori e, eventualmente, anche gli integratori per allattamento da dover abbinare prima o dopo i pasti. Procediamo però con ordine: anche se potrebbe risultare per molti come un concetto ovvio, è utile ribadire che il latte materno è il principale alimento nelle prime fasi di vita del neonato, ed è per questo destinato a fornire al piccolo la giusta dose di nutrimento per poterlo aiutare a crescere e aumentare di peso in maniera sana. Il latte materno è quindi, nella maggior parte dei casi, l’unica fonte di sostanze essenziali per lo sviluppo del neonato: stiamo parlando di enzimi insostituibili che vanno a “programmare” quello che è il sistema immunitario del bambino e anche la flora batterica del neonato, ed è, come abbiamo già detto sopra, anche la fonte di sostanze essenziali per la sua sopravvivenza (ovvero di carboidrati e di proteine ma anche di acqua, di vitamine, sali minerali e lipidi).

Naturalmente, la composizione del latte materno non è uguale in tutte le donne. Molto dipende dalla dieta della madre e dal suo stato di nutrizione. Naturalmente, una donna sotto peso può incontrare non pochi problemi nel corso dell’allattamento, così come una donna che non segue una alimentazione particolarmente sana e regolare potrebbe andare ad alterare in maniera negativa la composizione del suo latte, causando non pochi problemi al neonato che, in questo momento, è troppo fragile per poter resistere ad una nutrizione inefficiente. Non c’è però da preoccuparsi! Specialmente se il problema dell’alimentazione della madre viene affrontato in maniera seria e repentina, allora non ci saranno particolari riversamenti sulla salute del bambino. Anche se sarebbe ideale rivolgersi sempre ad uno specialista, nell’articolo di oggi vogliamo comunque darvi un’idea su cosa non mangiare in allattamento e su quelli che invece sono i cibi consigliati in allattamento. Iniziamo subito con cosa mangiare in allattamento.

Così come ci sembra giusto ricordare, l’adozione di una dieta e di uno stile di vita sano non dovrebbero essere delle prerogative solo delle madri che si trovano nella delicata fase dell’allattamento, ma dovrebbero essere anzi l’obiettivo di tutti. È naturale però che specialmente in questa fase, una donna debba fare il possibile per poter inserire nella sua dieta degli alimenti ricchi di tutti quegli enzimi fondamentali al sostenimento del suo organismo e di quello del suo bambino, come il fosforo, il calcio, e le vitamine. Per questo è necessario seguire una dieta basata in particolar modo su cibi ricchi di proteine come le uova, la carne ed il pesce, oppure se si segue una dieta vegetariana e vegana, sarà utile affidarsi ad un nutrizionista esperto di nutrizione che esclude i prodotti di origine animale per poter esplorare insieme tutte quelle che sono le opzioni maggiormente proteiche offerte dal ricco mondo vegetale! Altrettanto importanti sono gli acidi grassi essenziali come l’Omega 3 (che si trova soprattutto nel pesce azzurro ma anche nei semi di lino, nelle noci e nei vegetali a foglia verde) e tutti quegli altri amminoacidi essenziali come ad esempio il ferro (presente sia nella carne che in quantità esponenziali nelle barbabietole rosse), i sali minerali e le vitamine. Per quanto riguarda l’assunzione richiesta di fibre, i cibi ideali e quindi da prediligere sono la verdura e la frutta di stagione ma anche i carboidrati integrali, presenti sotto forma di pasta, di pane e di riso cotti, naturalmente. Un livello di idratazione adeguato sarà inoltre di fondamentale importanza per tutti coloro che sono in fase di allattamento.

Ma veniamo ora a quelli che sono i cibi da evitare. In linea di massima, i medici specialisti tendono a sconsigliare, almeno per questo delicato periodo della fase di un neonato e di una madre, le diete ipocaloriche. Anzi, secondo il parere di molti medici, in questo primo periodo sarebbe utile assumere anche 500 calorie in più rispetto a quanto faremmo solitamente. Altrettanto sconsigliate sono le diete basate sulla sola assunzione di frullati e barrette poiché non bastano a raggiungere il fabbisogno quotidiano della madre, figuriamoci il fabbisogno nutrizionale di un neonato! Ma veniamo a quelli che sono i veri e propri cibi da dover evitare. Il primo gruppo di cibi da dover evitare è quello dei prodotti dalla provenienza considerata “dubbia”, come ad esempio i funghi raccolti privatamente oppure i prodotti di provenienza estera non tracciabile, che potrebbero quindi contenere pesticidi non considerati a norma secondo le severe leggi europee, così come la carne, le uova, il latte e tutti quegli alimenti di origine animale le cui origini e metodo di allevamento non sono tracciabili.

Alcuni animali potrebbero essere stati trattati con antibiotici o potrebbero essere stati colpiti da dei parassiti, e potrebbero per questo mettere a rischio la vostra salute e quella del vostro bambino. È altrettanto importante evitare gli alimenti confezionati, o almeno cercare di limitarli almeno in questo periodo: per alimenti confezionati si intendono anche le bevande di origine sintetica, ma anche i the, il caffè e gli alcolici. Sono sconsigliati anche gli alimenti eccessivamente carichi di grassi e di zuccheri, così come gli alimenti troppo salati e ad alto rischio di reazioni allergiche. Sempre parlando di neonati, per tutti coloro che fossero interessati e ne avessero bisogno, vogliamo ricordare che sono disponibili online anche dei comodissimi passeggini trio in grado di poter fornire ai vostri bambini, oltre al giusto supporto nutrizionale, anche un giusto supporto mentre vi trovate a passeggio per i viali alberati della vostra città del cuore.

Per favore, valuta questo articolo:
[Totale: 0 Medio: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui